lentepubblica

Nuove date accensione riscaldamenti: ecco quali sono

lentepubblica.it • 3 Novembre 2022

nuove date accensione riscaldamentiIn alcuni Comuni è stato deciso di rinviare la data di accensione dei riscaldamenti: ecco quali sono le nuove date.


Nuove date accensione riscaldamenti: dopo un ottobre straordinariamente caldo e un inizio di novembre che sembra confermare questo trend, alcuni sindaci italiani hanno deciso di rinviare l’accensione dei riscaldamenti.

Come sappiamo, il 2022 è stato segnato dall’aumento delle bollette del gas e della luce, a causa della guerra in Ucraina. Le temperature inusualmente così alte, perciò, hanno portato ad un rinvio dell’accensione degli impianti.

Vediamo allora quali sono le nuove date di accensione dei riscaldamenti.

Nuove date accensione riscaldamenti: ecco tutte le proroghe

A causa delle temperature più alte della media stagionale, molti sindaci puntano al rinvio dell’accensione dei riscaldamenti, per poter ottenere un maggiore risparmio energetico, consumare di meno e produrre meno inquinamento.

Vediamo qual è il nuovo calendario.

Milano

Nella città di Milano ci sono stati diversi rinvii, ma il sindaco Giuseppe Sala ha deciso che i riscaldamenti si potranno accendere oggi, 3 novembre, nelle abitazioni private.

Discorso diverso per gli uffici comunali, dove i riscaldamenti saranno accesi solamente a partire dal 7 novembre. Inoltre, Sala ha invitato i cittadini ad usare i riscaldamenti in modo consapevole, sia in ottica di risparmio sulle bollette e sia per ridurre l’inquinamento.

Torino

nuove date accensione riscaldamentiAnche a Torino si potranno accendere da oggi, 3 novembre, i riscaldamenti, dopo diversi rinvii.

Il sindaco Stefano Lo Russo, però, ha firmato un’ordinanza che vede una riduzione temporale dell’accensione dei riscaldamenti, prevedendo un massimo di 10 ore al giorno, fino al 30 novembre.

La causa principale è l’alto tasso d’inquinamento di questi giorni nel capoluogo piemontese.

Bologna

Per Bologna, invece, i riscaldamenti potranno essere accesi a partire dal 7 novembre, dopo diversi rinvii. Inizialmente la data di accensione era stata fissata al 22 ottobre, poi rinviata al 2 novembre e, infine, al 7 novembre.

Il sindaco Matteo Lepore ha firmato un’ordinanza che prevede un massimo di 13 ore giornaliere di riscaldamenti, nella fascia oraria tra le 5 e le 23.

Modena

A Modena, la data di accensione era stata inizialmente fissata al 2 novembre e adesso è stata posticipata al 7 novembre.
Il Comune ha deciso di

“ridurre il periodo di esercizio degli impianti termici con l’obiettivo, di fronte all’emergenza energia che riguarda tutto il Paese, di ridurre il più possibile il consumo di gas naturale”.

Rimini

A Rimini, i termosifoni si accenderanno a partire dal 7 novembre.
L’amministratore comunale ha detto:

“Ogni giorno di ritardata accensione degli impianti garantisce un risparmio di circa 20mila euro: una cifra importante, che ci permette di riutilizzare queste risorse per finanziare progetti e servizi rivolti alla città. Accarezziamo così un triplice obiettivo che riguarda l’attenzione ambientale, il risparmio sul caro bollette e allo stesso tempo la possibilità di reinvestire dei soldi a favore dei cittadini”.

Altre città

Ecco il nuovo calendario per altre città:

  • 3 novembre: Mantova, Brescia e Voghera;
  • 4 novembre: Pavia;
  • 6 novembre: Ravenna;
  • 7 novembre: Vigevano e Reggio Emilia.

Nuove date accensione riscaldamenti: le proroghe non influiranno su alcune strutture

Ovviamente, le proroghe per l’accensione dei riscaldamenti non interesseranno alcune strutture specifiche, come:

  • Ospedali e cliniche;
  • Case di cura per anziani;
  • Strutture per tossico-dipendenti;
  • Enti che si occupano di assistenza e servizi sociali;
  • Scuola (soprattutto asili e scuole dell’infanzia);
  • Alcune attività industriali e artigianali che hanno bisogno di macchinari specifici per la produzione o conservazione di materiali e prodotti.

Le nuove linee guida si rifanno al Piano nazionale di contenimento dei consumi di gas, approvato dal Ministero della Transizione Ecologica, nelle scorse settimane.

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments