lentepubblica

Qualità di Servizio della Gestione dei Rifiuti Urbani: supporto agli ETC in vista della scadenza del 31 Marzo

lentepubblica.it • 3 Marzo 2022

qualita-gestione-rifiuti-supporto-ETCSi avvicina la prima scadenza relativa ai nuovi obblighi sulla Qualità di Servizio della Gestione dei Rifiuti Urbani: gli ETC (Enti Territoriali Competenti) sono già chiamati a rispondere, e necessitano del giusto supporto per non incorrere in non conformità.


Per rispondere a tutte le criticità collegate all’attuale gestione e trattamento dei rifiuti urbani l’ARERA, Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, ha imposto una serie di nuovi obblighi che mirano a elevare gli standard qualitativi, dal punto di vista contrattuale e tecnico, del servizio di gestione dei rifiuti urbani.

La Delibera 15/2022 introduce così l’adozione del “Testo unico per la regolazione della qualità del servizio di gestione dei rifiuti urbani” (TQRIF).

Enti Locali e Società di Gestione dovranno rispettare una serie di adempimenti che mirano a garantire maggiore qualità ed efficienza nel servizio di gestione dei rifiuti.

I principali obblighi legati alla qualità contrattuale riguarderanno, ad esempio, la gestione:

  • delle richieste di attivazione, variazione e cessazione del servizio
  • dei reclami
  • delle richieste di informazioni e di rettifica degli importi addebitati.

D’altro canto ai nuovi obblighi di qualità legati al rapporto con l’utenza si affiancano poi quelli tecnici, relativi nello specifico al servizio di raccolta rifiuti fornito alla cittadinanza. Parliamo, ad esempio delle attività:

  • di raccolta e trasporto
  • o di spazzamento e lavaggio delle strade.

I nuovi standard minimi tecnici e contrattuali entreranno in vigore dal 1° gennaio 2023: ma alcuni soggetti sono già tenuti a scegliere, entro il 31 marzo 2022 gli schemi regolatori previsti per inquadrare i costi connessi all’adeguamento agli obblighi all’interno del Pef 2022-2025.

Scadenza imminente per gli ETC (Enti Territoriali Competenti)

La scadenza imminente riguarda gli Enti Territoriali Competenti (ETC), che dovranno determinare il “quadrante” regolatorio in cui posizionare il loro ambito.

Entro il 31 marzo 2022, l’ETC deve determinare gli obblighi di qualità contrattuale e tecnica, individuando il posizionamento della gestione nella matrice degli schemi regolatori sulla base del livello qualitativo del contratto di servizio e/o della Carta della qualità.

Un supporto per gli ETC in vista della scadenza imminente

L’ETC per determinare lo schema di riferimento deve inquadrare lo stato dell’arte del proprio servizio di gestione rifiuti.

Per questo motivo Golem Net, software house specializzata in soluzioni dedicate alle PA, si propone di dare un supporto ed un ausilio nella risoluzione delle criticità e dei nodi più complessi che gli ETC dovranno affrontare in questo contesto.

Il servizio di supporto è infatti riferito a fornire un ausilio all’Ente nella fase di inquadramento della propria situazione.

Occorre, in primo luogo, cliccare su questo link e procedere con i seguenti step:

  • Per una primissima analisi del servizio è necessario compilare il form, inserendo:
    • Tipologia di gestore
    • Nome del gestore
    • Contatti del gestore
    • Tempo di ritiro dei rifiuti su chiamata
    • Tempistica intervento in caso di segnalazioni disservizi
    • Puntualità del servizio di raccolta e trasporto
    • Puntualità servizio di spazzamento e lavaggio
    • Tempo di arrivo sul luogo della chiamata per pronto intervento.
  • Una volta compilati questi campi si potrà richiedere una dimostrazione personalizzata.

Lo staff tecnico della Golem potrà così elaborare tutti gli step da portare a termine per far sì che l’Ente non incorra in non conformità alla scadenza del 31 Marzo.

Gli asset del servizio di supporto

Questi di seguito sono i principali asset del servizio dedicato:

  • Fornitura dello strumento informatico In Cloud – Per la ricognizione attualizzata della qualità tecnico e contrattuale del servizio rifiuti dei gestori:
    • Attivazione software web all’interno della trasparenza rifiuti
    • Attivazione profili utenza personalizzati per ETC e singoli gestori
    • Sessione formativa on line per ETC e/o gestori
    • Assistenza Telefonica e/o Telematica all’ETC
  • Supporto all’ETC per la Comunicazione del Progetto a tutti i gestori TARI/TARIP – Per la comunicazione degli obblighi normativi e illustrazione degli step necessari per ETC e gestori:
    • Disponibilità della piattaforma di videoconferenza professionale Go To Meeting fino a 150 utenti
    • Disponibilità di un nostro relatore esperto per illustrazione tecnica durante la riunione on line.
  • Supporto nell’elaborazione dati per l’inquadramento dell’ETC nello schema regolatorio effettivo di partenza
    • Acquisizione dei dati rilevati per singolo gestore da software
    • Normalizzazione dati per categoria di gestore
    • Analisi dei questionari per singolo gestore
    • Inquadramento dell’ETC nello schema regolatorio effettivo di partenza
  • Supporto alla determinazione degli obblighi di Servizio e standard di qualità migliorativi rispetto a quelli previsti dallo schema regolatorio effettivo di partenza
    • Incontro online per presentazione dello studio all’ETC
    • Proposta motivata per la determinazione degli obblighi di servizio e standard di qualità migliorativi rispetto a quelli previsti dallo schema regolatorio effettivo di partenza
  • Supporto all’ETC nella comunicazione ai gestori dello schema regolatorio scelto (entro il 31 marzo)
    • Predisposizione su carta intestata dell’ETC dello schema regolatorio prescelto per la comunicazione ai gestori
    • Report personalizzato rispetto al questionario dei livelli di qualità contrattuale e tecnica compilato dal singolo gestore
    • Report personalizzato per singolo gestore con le attività necessarie per l’inquadramento nello schema regolatorio assegnato dall’ETC
    • Indicazioni dell’intervallo dei costi oggettivamente dimensionabili da sostenere per l’adeguamento del set di qualità contrattuale e tecnica.

Potete richiedere maggiori informazioni e un preventivo scrivendo un messaggio WhatsApp al numero: 342 014 7374.

Quadranti e fasce di appartenenza degli ETC

Si ricorda che in seguito, dal 1° aprile al 31 dicembre 2022 anche i vari gestori di servizio che si occupano del trasporto, dello spazzamento o del lavaggio dovranno adeguare il loro standard di qualità sulla base del posizionamento specifico scelto dall’ETC.

Per questo motivo assume grande importanza il corretto posizionamento di questi Enti all’interno della cornice più adeguata.

In base a quale criterio l’ETC deve scegliere il proprio posizionamento all’interno del “quadrante” di riferimento?

L’Ente territorialmente competente deve determinare gli obblighi di qualità contrattuale e tecnica che devono essere rispettati dal gestore del servizio integrato di gestione dei rifiuti urbani, individuando il posizionamento della gestione nella matrice degli schemi regolatori, sulla base del livello qualitativo previsto nel Contratto di servizio e nella Carta della qualità vigente che deve essere in ogni caso garantito.

Si tratta di 4 schemi correlati a 4 livelli qualitativi specifici:

  • SCHEMA I – Livello qualitativo minimo
  • SCHEMA II – Livello qualitativo intermedio
  • SCHEMA III – Livello qualitativo intermedio
  • SCHEMA IV – Livello qualitativo avanzato.

Per comprendere meglio i criteri per inquadrare il livello qualitativo minimo di appartenenza si può fare fede al seguente schema:

blank

Ricordiamo, infine, che ogni ETC ricopre una specifica fascia di appartenenza, assegnata in base al numero di gestori sul proprio territorio.

Per numero di gestori si intende la sommatoria di Comuni e Imprese interessate dalla gestione dei servizi: le fasce di appartenenza sono suddivise nel seguente modo:

  • A) 1 – 20 gestori
  • B) 21 – 40 gestori
  • C) 41 – 60 gestori
  • D) 61 – 99 gestori

 

 

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments