Ai Sindaci arriva la prima nota operativa sull’emergenza Coronavirus

lentepubblica.it • 26 Febbraio 2020

sindaci-nota-operativa-emergenza-coronavirusIl Governo ha inteso adottare inoltre una serie di misure urgenti per evitare la diffusione del COVID-19. Così ANCI e Protezione Civile hanno comunicato le indicazioni operative per i Comuni.


Ai Sindaci arriva la prima nota operativa sull’emergenza Coronavirus.

Le principali azioni sono volte:

  • al soccorso e all’assistenza della popolazione eventualmente interessata dal contagio,
  • poi al potenziamento dei controlli nelle aree aeroportuali e portuali, in continuità con le misure urgenti già adottate dal Ministero della salute,
  • al rientro in Italia dei cittadini che si trovano nei Paesi a rischio
  • e al rimpatrio dei cittadini stranieri nei Paesi di origine esposti al rischio.

Scopriamone i dettagli.

Per i Sindaci la prima nota operativa sull’emergenza Coronavirus

Il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli e il presidente dell’Anci e sindaco di Bari Antonio Decaro hanno inviato a tutti i sindaci una nota operativa per ribadire le principali decisioni e procedure attivate a seguito dell’emergenza Coronavirus. Si tratta di disposizioni che riguardano esclusivamente i comuni o le aree nei quali risulta positivo almeno un caso interessato dal contagio.

Borrelli e Decaro ricordano in particolare che, a seguito di un confronto costante con Anci e le altre componenti del Sistema nazionale di Protezione civile, è emersa l’esigenza di ottimizzare i flussi informativi del Sistema attivando in via precauzionale il Centro Operativo Comunale COC in tutti i Comuni, soprattutto per quelli con popolazione superiore ai 20.000 abitanti e lasciando l’opportunità di attivazione nei restanti Comuni.

L’attivazione del COC, quale misura precauzionale, con la presenza della Funzione Sanità oltre che della Funzione Assistenza alla Popolazione, sarà l’occasione per ribadire una corretta comunicazione alla popolazione in relazione agli eventuali profili di rischio, aggiornare il monitoraggio dei soggetti vulnerabili, condividere le mappe dei servizi sanitari specializzati in caso di presenza di focolai epidemiologici.

A questo link il testo completo della nota.

 

Fonte: ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
avatar
  Subscribe  
Notificami