fbpx

29 Maggio, Heysel: a Torino si commemorano le vittime del 1985

lentepubblica.it • 29 Maggio 2019

29-maggio-heysel-torino29 Maggio, Heysel: a Torino, tra le altre iniziative, la Mole Antonelliana si illumina per ricordare le 39 vittime della tragedia allo Stadio di Bruxelles.


Trentaquattro anni fa 39 tifosi della Juve persero la vita allo Stadio Heysel di Bruxelles dopo il crollo di un muro durante la finale di Coppa Campioni contro il Liverpool. Una tragedia che scosse il mondo del calcio e che ogni anno viene ricordata.

29 Maggio, Heysel: a Torino il ricordo della strage

Il momento clou si terrà stasera a Torino, quando la Mole Antonelliana sarà colorata di bianconero e con il logo “+39 Rispetto” per ricordare chi perse la vita in quella maledetta notte per una partita di calcio. L’evento è organizzato dall’Associazione Quelli di … Via Filadelfia.

L’appuntamento è alle ore 21 nella Sala delle Colonne del Comune di Torino in piazza Palazzo di Città.

L’Associazione ha organizzato il Monologo teatrale a cura di David Gramiccioli, in questi giorni rappresentato in vari teatri italiani.

Il Monologo ricostruisce quella triste sera del 29 maggio 1985 e sta riscontrando i favori non solo della critica, ma dei molti tifosi bianconeri che ne hanno visto la rappresentazione.

Gli altri appuntamenti e gli omaggi

Da Reggio Emilia a Meda, passando da Cherasco, oggi si celebra la “Giornata della Memoria per le Vittime dell’Heysel e di ogni manifestazione sportiva”.

Tra i personaggi celebri che ricordano il terribile evento su Twitter c’è anche Giovanni Trapattoni.

La notte terribile del 29 Maggio all’Heysel

Sono 34 gli anni di distanza da una delle più orribili tragedie che abbiano mai colpito il mondo dello sport.

La Juventus si stringe fortemente attorno alle famiglie delle 39 vittime innocenti di una follia senza spiegazioni.

In quel maledetto 29 maggio 1985 l’attesa per la finale di Coppa dei Campioni tra i bianconeri e il Liverpool allo stadio Heysel di Bruxelles, si trasformò in una immane tragedia.

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami