fbpx

Abbandono di animali: la triste realtà e ciò che ne consegue

lentepubblica.it • 22 Luglio 2019

abbandono-animaliSi stima che ogni anno in Italia siano abbandonati una media di 80.000 gatti e 50.000 cani, più dell’80% dei quali rischia di morire in incidenti, di stenti o a causa di maltrattamenti.


Abbandono di animali: la triste realtà. Moltissime famiglie italiane oggi sono composte anche da amici a 4 zampe: parliamo di milioni di animali, nello specifico sono 6.800.000 i cani 8.500.000 i gatti che condividono la propria vita con noi. Eppure abbandonarli è un reato.

L’abbandono

Il concetto di abbandono va ricondotto alla trascuratezza o al disinteresse verso l’animale e non invece all’incrudelimento nei suoi confronti, lì si parla di reato di maltrattamento. L’abbandono, in ogni caso, va individuato nell’intento più generale di non prendersene più cura nella consapevolezza dell’incapacità dell’animale di provvedere autonomamente a se stesso.

Ogni anno in Italia vengono abbandonati migliaia di gatti e cani, e per tutti il rischio, dopo l’abbandono, è quello di trovarsi in situazioni di pericolo per se stessi e per gli altri. In particolare in concomitanza con le vacanze estive e quelle di fine anno, questo triste fenomeno si fà più grave. Si stima che tra luglio e settembre, ogni giorno, vengono abbandonati circa 600 animali tra cani e gatti.

L’incapacità di occuparsi dei propri amici a 4 zampe o di saper gestire un viaggio insiemea loro, è uno dei motivi più ricorrenti di questa che è una vera emergenza.

Il reato di abbandono

L’abbandono di animali è un reato contravvenzionale che il nostro ordinamento prevede e punisce all’articolo 727 del codice penale. Tale norma prevede, esattamente, che:

  • Chiunque abbandona animali domestici;
  • Chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze;

E’ punibile con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro.

Cosa puoi fare per limitare i danni

Puoi aiutare i volontari, le forze dell’ordine ed enti preposti alla salvaguardia degli animali, o chiunque lavora ogni giorno per evitare l’abbandono di animali. La prima regola da seguire è, ovviamente, di avvertire sempre se trovate un animale che sembra randagio o abbandonato. Se vi trovate in autostrada, segnalate telefonicamente subito alle forze dell’ordine e in particolare alla polizia stradale.

Saranno loro a occuparsi della salvaguardia del povero cane lasciato dal suo ex padrone. Se vi trovate invece in delle strade urbane, dovete contattare il Comando della Polizia Municipale del comune in cui l’animale è stato abbandonato. Non dispeate se non conoscete il numero: potete farvi passare la chiamata direttamente dal 113. In alternativa, esiste il comando dei Carabinieri per la tutela dell’ambiente al numero verde 800 253 608.

Fonte: articolo di Claudio Bonaccorso
avatar
  Subscribe  
Notificami