Acquisti della PA, via libera alla revisione dei soggetti aggregatori

lentepubblica.it • 23 Gennaio 2018

 

acquisti in rete PAPubblicata la Delibera numero 31 del 17 gennaio 2018 con la quale il Consiglio dell’Autorità Nazionale Anticorruzione ha approvato l’aggiornamento triennale dell’elenco dei soggetti aggregatori.


 

L’Autorità nazionale anticorruzione ha approvato la revisione del gruppo di soggetti deputati a gestire le gare per la domanda aggregata di beni e servizi delle amministrazioni pubbliche in base all’articolo 9 della legge 89/2014, inserendo nell’elenco (in base alle istanze di rinnovo e a quelle presentate per la prima volta) 31 soggetti, oltre a Consip.

 

L’ANAC approva dunque l’elenco dei soggetti aggregatori risultante in esito alla definizione della procedura prevista dagli articoli 3, 4 e 5 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 2014; e iscrivere, pertanto, nell’elenco dei soggetti aggregatori di cui all’articolo 9 del decreto legge 24 aprile 2014, n. 66, i seguenti Enti:

 

  • Consip S.p.a.;
  • per la Regione Abruzzo: Stazione Unica Appaltante Abruzzo;
  • per la Regione Basilicata: Stazione Unica Appaltante Basilicata;
  • per la Regione Calabria: Stazione Unica Appaltante Calabria;
  • per la Regione Campania: So.Re.Sa. S.p.a.; 4
  • per la Regione Emilia Romagna: Agenzia Regionale Intercent-ER;
  • per la Regione Friuli Venezia Giulia: Centrale Unica di Committenza – Soggetto Aggregatore Regionale;
  • per la Regione Lazio: Direzione Centrale acquisti della Regione Lazio;
  • per la Regione Liguria: Stazione Unica Appaltante Liguria;
  • per la Regione Lombardia: ARCA S.p.a.;
  • per la Regione Marche: Stazione Unica Appaltante Marche;
  • per la Regione Molise: Servizio regionale Centrale Unica di Committenza del Molise;
  • per la Regione Piemonte: SCR – Società di Committenza Regione Piemonte S.p.a.;
  • per la Regione Puglia: InnovaPuglia S.p.a.;
  • per la Regione Sardegna: Servizio della Centrale regionale di committenza;
  • per la Regione Sicilia: Centrale Unica di Committenza regionale;
  • per la Regione Toscana: Regione Toscana – Dir. Gen. Organizzazione – Settore Contratti;
  • per la Regione Umbria: CRAS – Centrale Regionale per gli Acquisti in Sanità;
  • per la Regione Valle d’Aosta: IN.VA. S.p.a.;
  • per la Regione Veneto: UOC – CRAV di Azienda Zero;
  • per la Provincia Autonoma di Bolzano: Agenzia per i procedimenti e la vigilanza in materia di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture;
  • per la Provincia Autonoma di Trento: Agenzia provinciale per gli appalti e contratti;
  • Provincia di Vicenza;
  • Provincia di Brescia;
  • Città metropolitana di Bologna;
  • Città metropolitana di Genova;
  • Città metropolitana di Milano,
  • Città metropolitana di Napoli;
  • Città metropolitana di Roma capitale;
  • Città metropolitana di Torino;
  • Città metropolitana di Catania;
  • Città metropolitana di Firenze.

 

 

 

Fonte: ANAC - Autorità Nazionale Anticorruzione
avatar
  Subscribe  
Notificami