fbpx

Adesione Postuma: contratto si può estendere ad altra amministrazione?

lentepubblica.it • 14 Giugno 2017

adesione postuma bandoIl Tar Toscana, con la sentenza n. 783/2017, precisa i presupposti dell’adesione, in forza di specifica clausola, ad un contratto stipulato da altra amministrazione aggiudicatrice.


Occorre premettere che quella della adesione di una amministrazione aggiudicatrice ad un contratto stipulato da altra amministrazione costituisce una fattispecie problematica sia sul piano dell’inquadramento normativo sia su quello della compatibilità con i principi comunitari che disciplinano la concorrenza fra operatori economici nel mercato delle commesse pubbliche.

 

Il Consiglio di Stato, nella sentenza 442 del 2016 ha qualificato sul piano civilistico il contratto contenente la clausola di adesione come “contratto ad oggetto multiplo” avente ad oggetto servizi “identici o analoghi” che possono essere estesi ad amministrazioni diverse da quelle che hanno indetto la procedura di gara qualora individuate o individuabili in base a criteri enunciati a priori dalla lex specialis.

 

Nella disciplina degli accordi quadro, le fonti comunitarie stabiliscono a quali condizioni il contratto stipulato fra un’amministrazione aggiudicatrice (sia essa o meno una centrale di committenza) ed un operatore economico all’esito di una gara possa essere utilizzato da amministrazioni aggiudicatrici diverse, prevedendo che queste debbano essere chiaramente individuate nell’avviso di indizione di gara (art. 33 comma 2 direttiva 24/2014) anche quando la stessa venga bandita da una centrale di committenza (la quale dovrebbe preventivamente rendere identificabili alle imprese interessate le identità delle amministrazioni aggiudicatrici che potenzialmente potrebbero far ricorso all’accordo quadro e la data in cui le stesse hanno acquisito il diritto di avvalersene).

 

Presupposto fondamentale perché sia legittima l’adesione di un’amministrazione al contratto stipulato da altra amministrazione aggiudicatrice è che tale possibilità sia esplicitamente contemplata dal contratto base. È, quindi, incompatibile con il modulo della adesione una rinegoziazione delle condizioni contrattuali operata sulla base di scelte discrezionali della stazione appaltante che non siano state oggetto di un previo confronto concorrenziale aperto a tutte le imprese in possesso dei necessari requisiti.

 

In allegato il testo completo della Sentenza.

 

 

 

Fonte: TAR Toscana
avatar
  Subscribe  
Notificami