lentepubblica

Agroalimentare: ecco le nuove proposte italiane all’UE

lentepubblica.it • 15 Luglio 2015

ambienteIl ministro dell’Agricoltura ha proposto alla Commissione di lavorare a un intervento specifico, d’intesa con la Bei, per il supporto dello sviluppo delle piattaforme logistico distributive delle imprese agroalimentari europee in ambito extra Ue.

 

Il ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina, durante i lavori del Consiglio dei ministri dell’Agricoltura e della Pesca dell’Unione europea, ha proposto una serie di misure di intervento a sostegno di alcuni settori in questa particolare fase di mercato, che risente anche delle ripercussioni negative dell’ embargo russo per alcuni prodotti.

 

In particolare l’Italia ha chiesto interventi per i settori saccarifero, risicolo, lattiero e ortofrutticolo. Per lo zucchero, nel suo intervento il ministro Martina ha chiesto un intervento specifico volto a sostenere le imprese del settore in questo particolare momento di ribasso dei prezzi legato soprattutto – spiega il Ministero in una nota – ad una presenza massiccia di scorte di zucchero, causata anche da una elevata produzione fuori quota Ue.

 

La proposta formulata è quella di valutare l’utilizzo delle “tassa di produzione”, che già viene versata dalle imprese del settore, per riportare in equilibrio il comparto e garantire un “phasing out” per le imprese più marginali, o in alternativa individuare anche soluzioni nel quadro delle misure eccezionali di mercato previste dall’Ocm. Per il settore risicolo l’Italia evidenzia la delicata situazione determinatasi anche con l’aumento progressivo delle importazioni a dazio zero dai paesi Eba a cui è necessario porre rimedio con un intervento di sostegno che eviti ulteriori problemi.

 

Per il settore lattiero il nostro Paese chiede soluzioni per favorire e rafforzare al meglio la competitività delle imprese, in particolare migliorando le azioni a sostegno della promozione dei nostri prodotti e una maggiore trasparenza per i consumatori soprattutto sull’origine dei prodotti. Sul fronte ortofrutticolo l’Italia ha chiesto anche per quest’anno di adottare misure eccezionali previste dall’Ocm, peraltro annunciate anche dalla Commissione.

 

Questo settore, infatti, rimane ancora il più vulnerabile e esposto alle ripercussioni negative dovute dal permanere del blocco russo. Per la frutta di stagione, in particolare pesche e nettarine, si stanno registrando continui cali delle quotazioni di mercato e le previsioni indicano che questa diminuzioni dei prezzi continuerà. In ultimo il ministro Martina ha proposto alla Commissione di lavorare a un intervento specifico, d’intesa con la Bei, per il supporto dello sviluppo delle piattaforme logistico distributive delle imprese agroalimentari europee in ambito extra Ue.

0 0 votes
Article Rating
Fonte: Confcommercio
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments