fbpx

ANAC: importanti rettifiche a linee guida sugli Appalti

lentepubblica.it • 17 Febbraio 2017

numero pagine limite bando appaltiNella Gazzetta Ufficiale n. 38 del 15 febbraio 2017 sono state pubblicate le delibere ANAC n. 22 e 23 del 18 gennaio 2017 in rettifica delle Linee guida nn. 1/2016 e 6/2016.

 


 

Nello specifico si tratta dei mezzi di prova adeguati e delle carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto e gli indirizzi attinenti i servizi di architettura ed ingegneria. In particolare, il riferimento è alle seguenti delibere ANAC:

 

 

  • delibera 18 gennaio 2017, n. 23 recante la rettifica delle Linee guida n. 6 “Indicazione dei mezzi di prova adeguati e delle carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto che possano considerarsi significative per la dimostrazione delle circostanze di esclusione di cui all’art. 80, comma 5, lett. c) del Codice“, adottate con delibera n. 1293 del 16 novembre 2016;

 

  • delibera 18 gennaio 2017, n. 22 recante la rettifica delle Linee guida n. 1 “Indirizzi generali sull’affidamento dei servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria», adottate con delibera n. 973 del 14 settembre 2016”.

 

La DELIBERA 18 gennaio 2017, n. 22, prevede che  la previsione contenuta nella parte II, paragrafo 2.1.1.3, punto 8, secondo cui

 

«negli appalti di progettazione o concorsi di progettazione, qualunque omissione o errore di progettazione imputabile al progettista, che ha determinato, nel successivo appalto di lavori, una modifica o variante, ai sensi dell’art. 102, comma 2, del codice, o della previgente disciplina (art. 132, decreto legislativo n. 163/06

 

deve intendersi sostituita dalla seguente:

 

«negli appalti di progettazione o concorsi di progettazione, qualunque omissione o errore di progettazione imputabile al progettista, che ha determinato, nel successivo appalto di lavori, una modifica o variante, ai sensi dell’art. 106, comma 2, del codice, o della previgente disciplina (art. 132, decreto legislativo n. 163/06)». 

 

La DELIBERA 18 gennaio 2017, n. 23 prevede che la previsione contenuta nella parte III, paragrafo 1, punto 1.3, secondo cui

 

«Nel caso di ricorso alla progettazione interna non potra’ essere applicato l’incentivazione del 2%, espressamente vietata dalla legge delega n. 11/2016 (art. 1, comma 1, lettera oo), principio recepito dall’art. 113, comma 2 del decreto legislativo n. 50/2016»

 

deve intendersi sostituita dalla seguente:

 

«Nel caso di ricorso alla progettazione interna non potra’ essere applicato l’incentivazione del 2%, espressamente vietata dalla legge delega n. 11/2016 (art. 1, comma 1, lettera rr), principio recepito dall’art. 113, comma 2 del decreto legislativo n. 50/2016. 

 

 

Fonte: ANAC - Autorità Nazionale Anticorruzione
avatar
  Subscribe  
Notificami