Animali in vacanza: a chi lascio il mio animale domestico quando parto?

lentepubblica.it • 14 Luglio 2021

animali-in-vacanzaDove e a chi possiamo lasciare gli animali in vacanza? Ecco qualche dritta per i nostri amici a quattro zampe.


Ogni anno, con l’inizio dell’estate e delle ferie, si pone il quesito su cosa fare con gli animali in vacanza: se non possiamo portarli con noi, a chi li possiamo lasciare?

Dopo un periodo di restrizioni come quello che abbiamo passato, stanno per iniziare le vacanze estive e le strutture che ospitano i nostri amici a quattro zampe sono sempre di più.

Nonostante ciò, sono sempre di più le ordinanze, in tutta Italia, che limitano o vietano l’accesso in spiaggia ai nostri animali domestici. Perciò, l’Enpa si rivolge all’Anci affinché ci sia la possibilità di avere a disposizione almeno una porzione di spiaggia accessibile, senza restrizioni, in ogni comune costiero.

Vediamo quali sono le soluzioni possibili.

Animali in vacanza: soggiorno in una pensione per animali

Nel caso non si possa portare con noi il nostro amico a quattro zampe, ci sono diverse soluzioni tra cui scegliere per lasciare gli animali in vacanza.

Ovviamente la prima opzione è quella di lasciare il proprio animale domestico con qualcuno di cui ci fidiamo, come altri membri della famiglia o amici. Ma, nel caso non si possa fare affidamento su una persona cara, allora l’alternativa è la pensione per animali.

In questo tipo di strutture, gli animali potranno alloggiare in stanze o in spazi aperti e, a seconda della loro socievolezza, potranno stare in compagnia di altri animali o da soli.
Ovviamente ci sono diversi tipi di pensione sul mercato e variano a seconda del prezzo o del tipo di struttura. Ad esempio, ci sono pensioni per cani a stampo famigliare e altre più grandi.

Prima di scegliere la pensione adatta per i nostri animali in vacanza, bisogna considerare alcuni fattori:

  • Il personale: il numero degli addetti influisce molto sull’assistenza che viene data in vacanza. In alcuni casi, una sola persona è responsabile di diversi animali, in altre strutture, invece, c’è più attenzione per ogni singolo animale.
  • La struttura: è consigliabile andare a fare un sopralluogo alla pensione prima di lasciare il proprio amico a quattro zampe, cosicché possa interagire in anticipo con gli addetti.
  • Pulizia e igiene: è importante controllare che la pensione sia provvista di un’assistenza veterinaria attiva 24 ore su 24, che richieda sempre tutti i certificati di vaccinazione e che presti attenzione agli antiparassitari.

Il cambio di alloggio potrebbe creare dei leggeri disturbi ai nostri amici a quattro zampe, perciò è sempre consigliato lasciargli un oggetto personale, intriso del nostro odore, per non farlo sentire solo.

Per quanto riguarda i costi, il prezzo medio per l’alloggio del vostro amico a quattro zampe, in una pensione, può variare dai 15 ai 30 euro al giorno, ma i costi possono arrivare anche a 80/100 euro al giorno in alta stagione e per le pensioni più esclusive.

Animali in vacanza: ricorrere ad un pet-sitter

animali-in-vacanzaNon tutti gli animali domestici riescono ad abituarsi ad un cambio di alloggio, anche se solo per alcuni giorni. Proprio per questo, un’alternativa alla pensione è la scelta di un pet-sitter.

Prima di scegliere un pet-sitter, bisogna prestare attenzione a diversi fattori:

  • Le esperienze pregresse: è importante che la figura professionale che andremo a scegliere sia stata già a contatto con altri animali della stessa specie e abbia esperienza in questo tipo di lavoro.
  • Le referenze: un pet-sitter professionale presenterà subito le proprie referenze e le opinioni di chi si è già affidato a lui. In questo modo potremo valutare il suo approccio verso gli animali e capire se è adatto al nostro amico a quattro zampe.
  • Le certificazioni: soprattutto all’estero, molti pet-sitter hanno delle certificazioni che attestano le loro capacità professionali come pet-sitter.

Prima di lasciare il nostro amico a quattro zampe al pet-sitter, è importante informarlo se il nostro animale domestico abbia esigenze particolari, come col cibo, le uscite o i giochi. Oppure se abbia una routine quotidiana e se abbia malattie che richiedono un’assistenza costante o se abbia bisogno di medicinali specifici.

Per quanto riguarda i costi, molto varia a seconda dell’esperienza e delle certificazioni in possesso del pet-sitter. In media, il costo è di 15/30 euro l’ora.

Alcuni siti utili

Per i nostri animali in vacanza, esistono alcuni siti utili per trovare un aiuto esterno.

Il sito Pawshake permette di selezionare un amante degli animali a cui affidare il proprio animale domestico. Il sito fornisce anche un’assicurazione gratuita per coprire l’assistenza sanitaria, in caso ci sia bisogno.

DogBuddy, invece, è un servizio che si basa su una community di amanti degli animali, che è in grado di mettere in contatto i proprietari di cani con altri amanti degli animali che offrono ospitalità.

Se invece, avete deciso di portare con voi il vostro amico a quattro zampe, su Internet sono presenti diversi portali che indicano le strutture pet-friendly che accettano i vostri animali in vacanza.
Nel caso decideste di viaggiare coi vostri animali domestici, ci sono alcuni consigli da seguire per rendere il viaggio piacevole e per essere in regola coi documenti.

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments