fbpx

Anniversario Hiroshima, a Pantelleria una commemorazione per ricordare le vittime

lentepubblica.it • 6 Agosto 2019

anniversario-hiroshima-pantelleriaAnniversario Hiroshima, a Pantelleria una commemorazione, organizzata da Ecoitaliasolidale per ricordare le vittime.


Quest’anno la tradizionale commemorazione di Ecoitaliasolidale per ricordare le vittime delle due bombe nucleari su Hiroshima e Nagasaki è avvenuta oggi sull’Isola di Pantelleria , 6 agosto alle ore 10.00 sulla banchina di fronte alla Pro Loco.

Il ricordo dedicato alla distruzione delle due città alla presenza delle istituzioni dell’isola.

Ed è stata per questo gettata una corona in mare per commemorare quanti persero la vita.

Presenti il Sindaco di Pantelleria, Vincenzo Campo, il Tenente di Vascello, Donato Sirignano, il Tenente Colonnello dell’Areonautica, Francesco De Astis ed il Presidente Parco Nazionale di Pantelleria, Salvatore Gino Gabriele.

Al momento della commemorazione, una motovedetta della Guardia Costiera in mare ha suonato la sua sirena,

Un momento toccante che ripetiamo ogni anno e che vuole ricordare i due bombardamenti. Di Hiroshima il 6 agosto prima e di Nagasaki poi il 9 agosto 1945. Un ricordo ed un monito di pace soprattutto rivolto alle giovani generazioni. Con l’auspicio che si possa guardare ad un futuro di pace e di tranquillità in tutto il mondo. Ed all’eliminazione di ogni utilizzo del nucleare militare e civile”.

Anniversario Hiroshima: 74 anni fa l’immane strage

bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki furono due attacchi nucleari. Operati sul finire della seconda guerra mondiale dagli Stati Uniti in Giappone, che segnarono l’epilogo del conflitto.

Il mattino del 6 agosto 1945 alle ore 8:15 l’aeronautica militare statunitense sganciò la bomba atomica “Little Boy” sulla città giapponese di Hiroshima. Seguita tre giorni dopo dal lancio dell’ordigno “Fat Man” su Nagasaki.

Il numero di vittime dirette è stimato da 100 000 a 200 000, quasi esclusivamente civili. Per la gravità dei danni diretti e indiretti causati dagli ordigni e per le implicazioni etiche comportate dall’utilizzo di un’arma di distruzione di massa, si è trattato del primo e unico utilizzo in guerra di tali armi.

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami