Atene e Pechino condizionano l’economia europea

lentepubblica.it • 10 Dicembre 2014

I mercati rialzano la testa dopo il crollo della vigilia, ma preoccupa il rischio di voto anticipato in Grecia, mentre continua il rallentamento dell’economia cinese: l’inlfazione è ai minimi da cinque anni. Prosegue il calo delle quotazioni del petrolio: senza un coordinamento dei paesi produttori il prezzo del greggio potrebbe scendere fino a 40 dollari al barile. In rialzo spread e Btp.

 

Continua a leggere dalla fonte: Repubblica

 

 

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami