Quanto costa veramente l’avvocato gratis?

lentepubblica.it • 21 Marzo 2018

avvocato-gratisPuò sembrare paradossale parlare di costi dell’avvocato gratis ma non è solo un gioco di parole. Ecco perché e come ottenere una consulenza legale low cost sicura.


Parlare di costi dell’avvocato gratis può sembrare una contraddizione in termini ma non è così e lo sa bene, suo malgrado, chi ha cercato un avvocato low cost in maniera incauta guardando solo al preventivo legale e senza tenere in considerazione altri fondamentali criteri di scelta.

 

Il preventivo dell’avvocato è obbligatorio per i professionisti. Questo serve a limitare il rischio di brutte sorprese per i clienti al momento di pagare la parcella per la consulenza legale. Ma attenzione perché pagare, magari poco, per una causa persa che invece si poteva vincere, è forse anche peggio.

 

E’ innegabile che le spese legali possano pesare sui clienti anche perché la fattura dell’avvocato non si può portare in detrazione dalla dichiarazione dei redditi. Basta guardare a quanto online siano cercate soluzioni come “consulenza legale a basso costo” o “avvocato low cost” per rendersi conto di quanto l’esigenza di risparmiare sul preventivo dell’avvocato sia importante. Addirittura ci sono utenti che, non tenendo evidentemente in considerazione l’impegno e la specializzazione che questa attività richiede, aspirano a trovare un avvocato gratis su internet.

 

L’avvocato gratis può costare più di quello che chiede il giusto preventivo

 

Si attribuisce a Red Adair la frase “Se pensi che sia costoso assumere un professionista per fare un lavoro, prova ad assumere un dilettante”. Questo principio riassume esattamente il senso di questo articolo: il preventivo dell’avvocato deve essere adeguato al lavoro che il professionista è tenuto a svolgere. Vanno contemplate specializzazione e responsabilità.

 

Ecco perché, nel rispetto del prestigio della professione, è impensabile offrire consulenza legale gratis. Il fatto che si tratti di un’attività intellettuale può rendere meno intuitivo il concetto ma in fondo pretendere la consulenza di un avvocato gratis, salvo i casi di patrocinio a spese dello Stato in cui il professionista viene retribuito dall’ente pubblico appunto, non differisce poi molto dal chiedere un intervento gratuito ad un idraulico o un meccanico.

 

Voi lavorereste gratis? Perché un avvocato dovrebbe farlo solo perché non tutti i clienti richiedono l’importanza di quello che sta facendo? Non ci si può improvvisare nel mestiere di altri ed è giusto pagare per la professionalità.

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami