fbpx

Bando Friuli: sovvenzioni per imprese culturali, creative e turistiche

lentepubblica.it • 18 Dicembre 2018

bando-friuli-sovvenzioni-impreseIl bando della Regione Friuli Venezia Giulia riguarda le sovvenzioni per programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione di imprese culturali, creative e turistiche.


La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia offre la possibilità di promuovere le attività culturali, turistiche e creative attraverso la pubblicazione di un bando.

 

I vincitori potranno accedere al finanziamento di programmi personalizzati che siano precipuamente finalizzati alla creazione e allo sviluppo di nuove imprese con una valenza o, almeno, una connotazione culturale e creativa.

 

È una grande opportunità quella che la Regione Friuli Venezia Giulia offre. L’evidente disponibilità di luoghi da poter affittare per poter avviare questo tipo di imprese sul territorio parla anche di una importante capacità territoriale di accogliere nuove imprese.

 

È il caso di un numero di capannoni in affitto a Pordenone che potrebbero suggerire idee innovative e stimolare le idee di chi pensa di approfittare del bando e fare impresa.

 

Quello che è certo è che negli ultimi anni la disoccupazione non è riuscita a demolire gli animi, ma li ha aiutati a risollevarsi in una spinta creativa che ha visto nascere una serie infinita di progetti, tutti più o meno realizzabili e che hanno avuto più o meno successo.

 

Il bando

 

Il programma del bando, che riguarda le attività innovative e creative, mette a loro disposizione un totale di euro 2.026.450,80.

 

Tale dotazione finanziaria è ripartita nella seguente maniera: 1.746.415,00 (unmilionesettecentoquarantaseimilaquattrocentoquindici/00) per i fondi PAR, ed euro 280.035,80 (duecentottantamilatrentacinque,80) per i fondi POR.

 

È da rilevare, tuttavia, che la sovvenzione per supportare la realizzazione dei programmi personalizzati di pre-incubazione e incubazione d’impresa non può essere superiore ad euro 72.000,00 (settantaduemila,00).

 

Se vi state chiedendo chi può partecipare al bando, la risposta ve la forniamo subito.

 

Le sovvenzioni che rientrano nel finanziamento di pre-incubazione e incubazione di imprese culturali, creative e turistiche, riguardano gli aspiranti imprenditori che possono essere:

 

  • persone fisiche, soggetti singoli o persone raggruppate in un team di progetto;
  • soggetti di diritto privato, diversi dalle persone fisiche, senza finalità di lucro, che vogliano costituire un’impresa nel territorio regionale seguendo le norme di diritto civile e commerciale vigenti;
  • le imprese culturali e creative regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle imprese o al REA (Repertorio Economico Amministrativo) presso la CCIAA competente per il territorio da meno di 36 mesi alla data del 23 marzo 2018;
  • le imprese turistiche regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle imprese presso la CCIAA competente per il territorio da meno di 36 mesi alla data del 23 marzo 2018.

 

La tipologia di progetti

 

I progetti che saranno ammessi a concorrere dovranno dimostrare un livello minimo di qualità progettuale e avere una durata compresa tra un minimo di 12 mesi e un massimo di 18 mesi.

 

I finanziamenti servono a supportare i vincitori nell’ottenere l’erogazione dei servizi per lo sviluppo imprenditoriale, l’acquisizione di servizi accessori, l’acquisizione in leasing e noleggio di strumenti o attrezzature, l’acquisizione di servizi di consulenza, di prestazioni e lavorazioni e di beni immateriali.

 

Perché un’impresa abbia successo, però, è necessario che si sviluppi in un contesto che promuova la cultura e la valorizzazione del territorio.

 

Questo è il caso dei progetti che si sono posizionati in cima alla classifica per il bando approvato con deliberazione n. 2492 della Giunta Regionale del 14 dicembre 2017. Eccoli qui di seguito elencati:

 

  1. Kaixin Travel: si tratta di un progetto interamente incentrato sulla creazione della certificazione di qualità ed idoneità delle strutture ricettive, turistiche e culturali del Friuli Venezia Giulia, rivolta in particolare ai viaggiatori di nazionalità e lingua cinese;

 

  1. Associazione Culturale Modo propone un progetto “Casamia” con lo scopo di dare vita alle idee e dare spazi alle persone;

 

  1. Zipline Experience ha l’obiettivo di realizzare una Zipline nell’area del bosco che collegherà il Monte Ruche con il lago di Sauris;

 

  1. Unitzero Srl che intende sviluppare il marchio Uztzu Clothing;

 

  1. Museo del Design del Friuli Venezia Giulia che vuole sviluppare un personalissimo progetto che prenderà il nome di MuDeFri.

 

 

Le imprese operanti in Friuli

 

Ad oggi, le imprese culturali che già operano in Friuli Venezia Giulia sono ben 5.179.

 

Questo nutrito numero è così suddiviso: vi sono 2.259 industrie creative; 2690 culturali; 214 performing arts e arti visive e 16 del patrimonio storico artistico.

 

La Fondazione Symbola ha pubblicato un rapporto che piazza il Friuli Venezia Giulia al nono posto della graduatoria delle regioni che maggiormente producono ricchezza attraverso il lavoro che deriva dalla cultura e dalla creatività.

 

Questo dato parla di come il Friuli Venezia Giulia contribuisca fattivamente allo sviluppo turistico dell’intero territorio nazionale. Ed è un dato di una rilevanza estrema se si pensa che più di un terzo della spesa turistica nazionale sia in stretta correlazione con la cultura.

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami