fbpx

Bando Torno Subito: edizione 2016 presentata da Zingaretti e Smeriglio

lentepubblica.it • 13 Maggio 2016

tornosubito3Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e il vicepresidente, Massimiliano Smeriglio, hanno presentato davanti a 4mila ragazzi, all’ex caserma Guido Reni di Roma, la terza edizione del bando ‘Torno Subito’.

 

L’edizione 2016 di Torno Subito è finanziata con ben 18,3 milioni di Euro del Programma Operativo Regionale LAZIO FSE (Fondo Sociale Europeo) 2014-2020 e attuato da Laziodisu-Ente per il diritto agli studi universitari nel Lazio.

 

E’ prevista la partecipazione di circa duemila ragazzi e ragazze  al bando, che resterà aperto fino al 25 giugno 2016.

 

Torno Subito  è il programma della Regione Lazio, giunto alla terza edizione (alle prime due hanno preso parte circa 1500 ragazzi), che finanzia progetti presentati da studenti universitari o laureati, articolati in percorsi integrati di alta formazione ed esperienze in ambito lavorativo, in contesti internazionali e nazionali. Ciascun progetto deve essere realizzato in due Fasi, la prima fuori dal territorio della regione Lazio, la seconda dentro il territorio regionale e deve prevedere il coinvolgimento diretto di strutture formative e realtà produttive, pubbliche o private, profit o no profit in qualità di “partner” di progetto. Ciascun progetto deve quindi avere 2 partner, uno per la Fase fuori dal Lazio dedicata allo studio/esperienze in ambito lavorativo, uno per la Fase dentro il Lazio dedicata al reimpiego delle competenze.

 

a56add0bd071d38d92775dc05f7c755a10a230baff5669122d51602c

 

Le principali novità dell’edizione 2016 sono che nella cosiddetta  Fase 2, che si svolge nel Lazio, è stata introdotta la possibilità di avviare un percorso di autoimprenditorialità presso un coworking. In questo modo si risponde alle trasformazioni del mercato del lavoro, dove si registra un costante aumento di freelance e partite iva. Si incentiva, inoltre, la creazione di start up che possono formarsi grazie alla collaborazione, agevolata dalla condivisione degli spazi lavorativi, di professionisti operanti nel medesimo settore.

 

Soddisfazione è stata espressa dagli organizzatori dell’evento di presentazione e dai due presidenti, in particolar modo, l’ideatore ed artefice del percorso, il vice presidente Smeriglio ha dichiarato:

 

Il 25 giugno scade il bando, quindi il mio invito a tutti i giovani e’ di cogliere questa opportunità. Ci sarà uno staff che sosterrà i giovani per cercare partner internazionali da mettere il loro talento a disposizione. A loro chiediamo di andare e formarsi con un solo obbligo: quello del ritorno per mettere a disposizione della nostra comunità quello che hanno appreso in giro per il pianeta.”

 

1723775_img_20160510_wa0008_2_

 

 

 

Sintesi delle principali opportunità del bando:

 

 

 

Cosa viene finanziato

 

Ai vincitori dell’avviso pubblico sarà erogato un contributo che copre i costi di:

 

– acquisto di corsi di formazione o master per chi svolge attività formativa nella FASE 1 fino ad un massimo di 12.000 Euro (corsi da 7 a 12

mesi) oppure di 7.000 Euro (corsi da 3 a 6 mesi);

 

– indennità mensile di work experience per chi svolge attività in ambito lavorativo nella FASE 1 pari a 600 euro lordi mese;

 

– rimborso forfettario delle spese di vitto, alloggio e viaggio che varia a seconda della Regione o del Paese scelto per la FASE 1 nei limiti e nelle modalità disciplinate dall’Avviso Pubblico (Allegato 8);

 

– assicurazione sanitaria, nel caso in cui la FASE 1 prevede la permanenza in nazioni che non garantiscono la copertura sanitaria pubblica fino ad un limite di 500 euro;

 

– costo per le pratiche di visto per i Paesi in cui questo è richiesto fino ad un limite di 500 euro;

 

– polizza fideiussoria (che deve essere necessariamente stipulata da parte del destinatario prima dell’avvio dell’attività progettuale a garanzia della sovvenzione ricevuta);

 

– servizi di assistenza e accompagnamento per persone con disabilità fino ad un limite di 4.000 euro;

 

– indennità mensile di tirocinio per la FASE 2 pari a 600 euro lordi mese.

 

 

 

Tipologie progettuali

 

E’ possibile scegliere una tra le 3 linee progettuali previste nell’Avviso Pubblico 2016:

 

 

 

  1. “Torno Subito Formazione”

 

FASE 1 – fuori dalla regione Lazio – frequenza di corsi di specializzazione, corsi di alta formazione e master (durata minima 50 ore

mensili) per un periodo da 3 a 12 mesi;

 

FASE 2 – all’interno della regione Lazio – tirocini di natura curriculare o in alternativa attività di start up d’impresa da svolgere presso un coworking, per un periodo da 3 a 6 mesi

 

 

 

  1. “Torno Subito Work Experience”

 

FASE 1 – fuori dalla regione Lazio – esperienze in ambito lavorativo (stage, training on the job) per un periodo di permanenza da 3 a 6 mesi

 

FASE 2 – all’interno della regione Lazio – attraverso tirocini extracurriculari (normati dalla DGR 199/2013) o attività di start up d’impresa presso un coworking, per un periodo da 3 a 6 mesi.

 

 

 

  1. “Torno Subito Cinema”

 

FASE 1 – solo all’estero –  esperienze formative (durata minima 50 ore

mensili) per un periodo di permanenza da 1 a 6 mesi

 

FASE 2 – all’interno della regione Lazio –  attraverso tirocini di natura curriculare o attività di start up d’impresa presso un coworking, per un periodo da 3 a 6 mesi. Questa linea progettuale è aperta anche a diplomati delle scuole secondarie superiori.

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami