fbpx

Calcio, campagna abbonamenti Lazio: rimborso agli abbonati con squalifica dello Stadio o della curva

lentepubblica.it • 3 Luglio 2019

campagna-abbonamenti-lazio-rimborsoSiamo ancora in Estate ma per gli appassionati di Calcio è già fermento. Ma con tutele ai consumatori: sulla campagna abbonamenti Lazio rimborso agli abbonati in caso di squalifica dello Stadio o della curva.


Campagna abbonamenti Lazio, rimborso abbonati in caso di squalifica dello Stadio o della curva. Vittoria del ricorso a seguito dell’azione inibitoria promossa dal Movimento Consumatori.

A seguito dell’azione inibitoria promossa da Movimento Consumatori, il tribunale di Roma, con ordinanza del 1° luglio, ha condannato la SS Lazio S.p.A. ad eliminare la clausola nelle condizioni di contratto che esclude il diritto al rimborso del rateo di abbonamento in caso di disputa a porte chiuse o con chiusure di settori.

Gli abbonati alle partite casalinghe della Lazio a partire dalla stagione 2019/2020, avranno diritto ad ottenere un rimborso parziale dell’abbonamento. Questo nell’eventualità di disputa di partite in un altro stadio. O squalifica dello stadio o della curva per provvedimenti della Giustizia Sportiva (i casi di “responsabilità oggettiva”). Così come di parziale indisponibilità dello stadio per lavori di manutenzione.

Campagna abbonamenti Lazio: rimborso abbonati

Il tribunale di Roma ha anche inibito alla SS Lazio l’utilizzo di clausole che prevedano esclusioni della società “da inadempimento” e che limitino, in caso di responsabilità diretta della società, il diritto al risarcimento del danno, ad esempio per quanto riguarda le spese di trasferta già sostenute dai tifosi per assistere a gare per le quali non sia possibile accedere allo stadio.

“Riteniamo che tutte le società di serie A, come ad esempio hanno fatto di recente il Torino FC e il Bologna FC dimostrando di tenere ai diritti dei propri tifosi – affermano Paolo Fiorio e Marco Gagliardi del servizio legale MC – siano chiamate nelle proprie campagne abbonamenti ad adeguare le condizioni contrattuali al principio per cui, in caso di comportamenti antisportivi o violenti di frange di ultras, solo i diretti responsabili debbano subire conseguenze, e non anche i tifosi che non hanno colpe e che hanno pagato un abbonamento per tutto il campionato”.

Fonte: Movimento Consumatori
avatar
  Subscribe  
Notificami