fbpx

Anche cane e gatto nello stato di famiglia? La proposta del Governo

lentepubblica.it • 12 Febbraio 2019

cane-gatto-stato-di-famigliaAnche cane e gatto nello stato di famiglia? Potrebbero far parte della famiglia, anche burocraticamente. A partire da mercoledì, la commissione Giustizia esaminerà la proposta di legge di Michela Vittoria Brambilla.


Fido e Fuffi nello stato di famiglia. Alla Camera si è avviato l’iter di una proposta di legge, a firma dell’onorevole Michela Vittoria Brambilla (Forza Italia), sull’iscrizione all’anagrafe degli animali domestici. La proposta, dal titolo “Disposizioni concernenti l’indicazione degli animali di affezione nelle certificazioni anagrafiche”, è stata presentata a inizio legislatura, lo scorso 23 marzo 2018.  Da questa settimana, a partire da mercoledì, comincia l’esame in commissione Giustizia.

 

Cane e gatto nello stato di famiglia

 

Due gli articoli del testo. Il primo prevede che della famiglia anagrafica possono fare parte gli animali registrati alle anagrafi territoriali degli animali di affezione o da compagnia (cani, gatti, furetti, roditori e conigli domestici…). Il secondo prevede che i dati riferiti alla popolazione di animali d’affezione vengano inseriti nella famiglia anagrafica all’interno del censimento Istat.

 

Nella relazione introduttiva alla proposta di legge, la deputata di Forza Italia, da sempre convinta ambientalista, sottolinea che stando al Eurispes 2018, circa tre italiani su 10 (32,4 per cento) convivono con un animale domestico. Si tratta nella maggior parte dei casi di cani (63,3 per cento) e gatti (38,7 per cento). Ancora, l’indagine mette in luce l’abitudine diffusa (53,5 per cento del campione) di dormire con il proprio pet e il fatto che la stessa quota di intervistati sacrifica una buona parte del proprio tempo libero per il benessere e le necessità del suo amico animale (passeggiate, gioco, attività all’aperto eccetera). Il 46,2 per cento di chi ha un animale domestico rinuncia in alcune occasioni a uscire o a fare un viaggio per non lasciarlo solo.

 

Michela Vittoria Brambilla, osserva che questi dati evidenziano “una mutata sensibilità nei confronti degli animali che da circa un terzo della popolazione sono considerati parte integrante della famiglia. Di qui- sottolinea- deve partire il legislatore, anche tenendo conto di alcuni recenti pronunciamenti della magistratura, per adeguare le norme a questa mutata sensibilità sociale”. Significativo il recente caso di una lavoratrice single dell’università ‘La Sapienza’ di Roma che aveva richiesto di assentarsi dal lavoro per due giorni poiché il proprio animale domestico necessitava di un intervento medico veterinario urgente e indifferibile e conseguentemente aveva bisogno di essere accudito. Alla donna è stato riconosciuto il permesso retribuito a norma di contratto collettivo dei dipendenti pubblici per “grave motivo famigliare e personale” per curare il suo cane malato.

Fonte: Agenzia DIRE (www.dire.it) - articolo di Maria Carmela Fiumanò
avatar
  Subscribe  
Notificami