fbpx

Carenze nell’esecuzione di un contratto: c’è esclusione da gara?

lentepubblica.it • 9 Maggio 2017

esecuzione contratto appalti esclusioneIl Consiglio di Stato, sez. V, con la Sentenza del 27.04.2017 n. 1955, si è espresso in materia di gravi illeciti professionali sui presupposti per l’esclusione dovuta a significative carenze nell’esecuzione di un precedente contratto che ne hanno causato la risoluzione anticipata.


 

Può essere condivisa nella parte in cui rileva che l’elencazione dei gravi illeciti professionali contenuta nell’art. 80, comma 5, lett. c), non è tassativa, ma esemplificativa, come si evince dalla formula di apertura del periodo («Tra questi rientrano…») recante l’elenco dei casi rientranti in questa nozione. In tal senso si è del resto espresso il Consiglio di Stato, nel parere del 3 novembre 2016, n. 2286, numero affare 1888 del 2016 (reso sulle linee guida dell’ANAC recenti l’indicazione dei mezzi di prova adeguati e delle carenze nell’esecuzione di un precedente contratto d’appalto che possano considerarsi significative per la dimostrazione delle circostanze di esclusione di cui all’articolo 80, comma 5, lett. c), del codice; in particolare al par. 6).

 

Sulla base dell’interpretazione letterale della norma (ex art. 12 delle preleggi) si richiede quindi che al provvedimento di risoluzione sia stata prestata acquiescenza o che lo stesso sia stato confermato in sede giurisdizionale. E questa conferma non può che essere data da una pronuncia di rigetto nel merito della relativa impugnazione divenuta inoppugnabile, come si evince dalla locuzione (ancorché atecnica) «all’esito di un giudizio». A questo medesimo riguardo è invece da ritenersi evidentemente insufficiente la definizione di un incidente di natura cautelare, con decisione avente funzione interinale e strumentale rispetto a quella di merito.

 

In allegato il testo della Sentenza.

 

 

Fonte: Consiglio di Stato
avatar
  Subscribe  
Notificami