lentepubblica


Caro benzina e crisi Ucraina: l’analisi del Decreto Taglia Prezzi

Chiarelli Simone • 23 Marzo 2022

caro-benzina-crisi-ucraina-analisi-decretoUn interessante approfondimento con video: disponibile l’analisi del Decreto Taglia Prezzi in risposta al Caro benzina e alla crisi Ucraina, a cura del Dottor Simone Chiarelli.


Nelle ultime settimane, complice anche la guerra in Ucraina, i prezzi di carburante, luce e gas sono alle stelle. Ciò ha portato a polemiche da parte dei consumatori e scioperi di alcune categorie di lavoratori.

Proprio per questo, il Consiglio dei Ministri, su proposta del premier Mario Draghi, ha approvato il Decreto taglia prezzi, che introduce diverse misure, per poter contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina.

Nel Decreto taglia prezzi sono presenti sia delle soluzioni immediate, per contenere l’aumento dei costi del carburante e dell’energia e sia soluzioni a lungo termine, per monitorare i prezzi.

È prevista una riduzione delle accise sulla benzina e il gasolio usati come carburante. La riduzione sarà pari a 25 centesimi di euro al litro, per un periodo di 30 giorni, dall’entrata in vigore del provvedimento.

Sarà previsto anche un Bonus carburante, ovvero dei buoni benzina ceduti, a titolo gratuito, dalle aziende private verso i propri lavoratori dipendenti, nel limite di 200 euro a lavoratore.

Per maggiori informazioni sul Decreto cliccate a questo link.

Caro benzina e crisi Ucraina: l’analisi del Decreto Taglia Prezzi

Per illustrare le specifiche di questo decreto, Simone Chiarelli, dirigente di Pubblica Amministrazione Locale ed esperto in questioni giuridiche di diritto amministrativo nei settori degli appalti, SUAP, e disciplina generale degli Enti locali, ha messo a disposizione un video.

Potete guardarlo nel player qui di seguito.

Fonte: articolo della redazione, video di Simone Chiarelli
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Luciano Mosca
Luciano Mosca
24 Marzo 2022 14:49

Buongiorno Dottore,
il governo vara un decreto che riduce il prezzo dei carburanti di 25 centesimi per 30 giorni.

In Ungheria, nazione il cui governo mi guardo bene dall’elogiare, da novembre del 2021 la benzina costa euro 1,24 (uno e ventiquattro). Prima era sopra i due euro al litro.
Un paragone incommentabile se non in negativo, a mio modesto parere.

La saluto, sinceri complimenti per le sue limpide spiegazioni.
Luciano Mosca