fbpx

Nuovo Codice Appalti: parte Consultazione su regole E-procurement

lentepubblica.it • 4 Agosto 2016

e-procurement (1)C’è tempo fino al 30 settembre 2016 per inviare i commenti al documento draft delle regole tecniche. Ai fini dell’emissione delle “Regole tecniche aggiuntive per garantire il colloquio e la condivisione dei dati tra i sistemi telematici di acquisito e di negoziazione” AgID ha avviato una consultazione pubblica della bozza di documento. Eventuali commenti possono essere inviati all’indirizzo mail eprocurement@agid.gov.it , scrivendo come oggetto “Contributi alla bozza delle regole tecniche aggiuntive” entro non oltre il 30/09/2016. Lo scopo delle presenti regole è favorire l’interoperabilità dei sistemi e delle piattaforme informatiche coinvolte nel processo di acquisto e di negoziazione. L’interoperabilità è garantita mediante la definizione di un modello semantico dei dati e l’individuazione di protocolli standard per la predisposizione di canali informatici riconosciuti, sicuri e adeguati all’utilizzo delle tecnologie avanzate allo stato dell’arte.

 

Nelle more della definizione del piano nazionale di e-procurement (di cui all’art. 212 del D.Lgs. 50/2016) e delle modalità di digitalizzazione delle procedure di tutti i contratti pubblici (di cui all’art.44 del D.Lgs. 50/2016), nel rispetto di quanto previsto nella circolare AgID n. 2 del 24 giugno 2016. Le presenti regole si collocano come basi del percorso evolutivo del sistema delle piattaforme negoziali per gli acquisti della PA ComproPA in corso di definizione.

 

A decorrere dalla data di emanazione delle presenti regole tecniche, gli investimenti finalizzati allo sviluppo di nuovi sistemi telematici di acquisto e negoziazione sono vincolati alla realizzazione di sistemi che rispettino le presenti regole tecniche.

 

Si stima che sia pari a 87 miliardi di euro la quota di spesa per beni e servizi, gestita da 32.000 stazioni appaltanti polverizzate sul territorio che nel corso del 2016 saranno, gradualmente, razionalizzate attraverso le procedure di acquisto dei soggetti aggregatori, che costituiscono un “sistema a rete” per il perseguimento dei piani di razionalizzazione della spesa pubblica e per la realizzazione di sinergie nell’utilizzo di strumenti informatici per l’acquisto di beni e servizi.

 

In allegato il documento completo.

Fonte: AGID - Agenzia per l'Italia Digitale
avatar
  Subscribe  
Notificami