fbpx

Compensi Amministratori di Condominio: quando si guadagnano gli extra?

lentepubblica.it • 24 Aprile 2018

compensi-amministratori-condominioCompensi degli amministratori di condominio: una delle voci del bilancio condominiale più controverse e discusse. Alcune pronunce giurisprudenziali recenti fanno un po’ di chiarezza sulla legittimità di compensi extra.


Agli amministratori di condominio, per l’attività svolta, spetta un compenso il cui ammontare, tuttavia, non trova un appoggio in alcuna tariffario professionale, in assenza di uno specifico albo degli amministratori di condominio. I criteri che in genere gli amministratori di condominio utilizzano per determinare l’ammontare del loro compenso sono i più disparati.

 

Una recente Sentenza, la n. 19507 della seconda sezione civile della Corte di cassazione, pubblicata lo scorso 2 marzo 2018, mette un po’ di chiarezza in questa anarchia apparente. L’attività dell’amministratore, in quanto connessa allo svolgimento dei compiti indicati dalla legge e dal contratto di mandato con rappresentanza che lo lega ai condomini, debba ritenersi integralmente compresa, dal punto di vista dell’ammontare del corrispettivo, nella somma stabilita al momento del conferimento dell’incarico di durata annuale.

 

L’amministratore non potrebbe unilateralmente richiedere al condominio compensi ulteriori rispetto a quelli originariamente pattuiti. Tuttavia, se la richiesta di un compenso ulteriore da parte dell’amministratore è accettata dal condominio mediante deliberazione assembleare, si stringe un nuovo patto tra le parti. Per questo i compensi degli amministratori di condominio, in questo caso, possono vedersi riconosciuti degli extra aggiuntivi rispetto a quello ordinario già contrattualizzato al momento dell’accettazione dell’incarico.

 

I principali parametri usati per calcolare il corrispettivo sono i seguenti:

 

  • la grandezza del condominio da amministrare;
  • il numero dei condòmini;
  • le difficoltà connesse all’edificio comune (ad esempio, il ricorrere di note particolarità strutturali, la presenza di deficit funzionali della struttura, la particolare posizione del bene nel contesto urbano, la presenza o meno di servizi efficienti);
  • la preparazione e la capacità dell’amministratore.

 

Ricordiamo anche che, se il compenso è inferiore ai 5.000 euro non c’è l’obbligo di iscrizione alla gestione separata Inps: in questo caso è prevista l’esenzione dall’obbligo contributivo fino alla soglia di 5.000 euro lordi annui.

 

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
lentepubblica.it - Nuovo Albo per gli Amministratori Condominiali: di cosa si tratta? Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami