fbpx

Concessioni autostradali e nuovo ministro Mit: servono più investimenti e controlli

lentepubblica.it • 6 Settembre 2019

concessioni-autostradali-nuovo-ministro-mitCodici: più investimenti e più controlli sulle autostrade, chiediamo al Ministro De Micheli un cambio di rotta sulle concessioni.


Concessioni autostradali e nuovo ministro Mit: servono più investimenti e controlli. Ecco le richieste dell’Associazione CODICI.

Quello delle concessioni autostradali deve essere uno dei temi principali dell’agenda del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli.

È il giudizio dell’Associazione Codici, che auspica un netto cambio di rotta: controlli stringenti, sanzioni dure e investimenti concreti. Per la sicurezza, per i cittadini, per evitare un’altra tragedia come quella del Ponte Morandi.

Concessioni autostradali e nuovo ministro Mit: più investimenti e controlli

“La situazione delle autostrade in Italia – dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – risulta penalizzata dalla mancanza di investimenti e di lavori per la manutenzione promessi dai concessionari. Nonostante il giro d’affari sui guadagni provenienti dalle autostrade sia molto alto, le spese per gli investimenti e la manutenzione stradale registrano una flessione.

C’è voluta una tragedia, quella del crollo del Ponte Morandi, per pubblicare integralmente le convezioni autostradali, per anni una richiesta vana. Non è possibile attendere un altro incidente, un altro dramma come quello che ha colpito Genova e scosso profondamente l’Italia, per cambiare, una volta per tutte, la gestione di questo settore, tanto delicato quanto cruciale per il Paese.

L’Associazione Codici rinnova quindi la richiesta di un controllo attento della situazione, per garantire la sicurezza dei cittadini.

In questa ottica auspichiamo un incremento del personale preposto e degli strumenti in dotazione delle autorità, così da creare le condizioni necessarie per un’efficace attività di vigilanza che faccia emergere un quadro chiaro dei lavori svolti e del costo delle opere, effettuate e programmate.

Quali controlli?

Per quanto riguarda quest’ultimo aspetto, è importante che i controlli si soffermino anche sui tipi di investimenti, così da evitare quelli poco utili o difficili da realizzare, messi in cantiere solo per ottenere una proroga della concessione.

Riteniamo inoltre necessaria una verifica delle concessioni. Un’operazione indispensabile per fare luce su tanti aspetti che al momento risultano poco chiari a causa dell’incertezza sull’affidamento.

Le procedure per le nuove concessioni sono lunghe, spesso scattano dopo la scadenza e questo è a vantaggio delle concessionarie e a danno dei consumatori, costretti a fare i conti con servizi scadenti, oltre che pericolosi.

Al riguardo riteniamo doveroso accelerare l’iter, affinché le nuove concessioni vengano attivate prima della scadenza di quelle vecchie.

Il tempo degli avvisi e dei moniti è scaduto. La mancata apertura al mercato ha già creato tanti danni, tra tariffe pazze e investimenti fantasma.

È il momento di sanzionare chi non rispetta le regole, con interventi tempestivi e rigorosi. Non ci riferiamo soltanto alle società, ma anche a quei funzionari pubblici che non hanno vigilato in maniera corretta sul comportamento del concessionario.

Queste, a nostro avviso, sono le vie da seguire per voltare finalmente pagina. Un cambio di rotta radicale, tenendo sempre bene a mente la figura del cittadino. Lo diciamo da tempo e lo ribadiamo oggi – conclude il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli – ogni cittadino che usufruisce delle autostrade è a tutti gli effetti un consumatore e dunque come tale deve essere tutelato”.

Fonte: CODICI
avatar
  Subscribe  
Notificami