fbpx

Congedo Parentale: chiarimenti su fruizione e retribuzioni

lentepubblica.it • 20 Novembre 2017

congedo--parentaleFruizione del Congedo Parentale: chiarimenti sulle regole per il beneficio e sulle retribuzioni relative a ogni figlio.


Il congedo parentale spetta per ciascun figlio. Si hanno quindi a disposizione, in caso di due figli ad esempio, 6 mesi per l’uno e 6 mesi per l’altro, i cui 30 gg. sono retribuiti per intero (30 per l’uno e 30 per l’altro figlio). I restanti 5 mesi, sempre per ciascun figlio, e fino al compimento dei 6 anni, sono retribuiti al 30%.

 

Il congedo può essere fruito anche in maniera frazionata, pertanto si può alternare il congedo dell’uno al congedo dell’altro figlio sempre tenendo conto della relativa retribuzione. Non è necessario tra un periodo e l’altro il rientro in servizio.

 

La Suprema Corte con sentenza n. 6472 del 4 maggio 2012 ha chiarito che il congedo parentale si configura come un diritto potestativo costituito dal comportamento con cui il titolare realizza da solo l’interesse tutelato e a cui fa riscontro e che la fruizione del congedo parentale si interrompe allorché il lavoratore rientra al lavoro e ricomincia a decorrere dal momento in cui la stessa riprende il periodo di astensione.

 

A differenza dei giorni della malattia del bambino, il congedo parentale non ha bisogno di alcuna giustificazione (come il caso del certificato medico che attesti la malattia del bambino), né è richiesto alcun altro accorgimento se non autocertificare la maternità/paternità e il periodo di fruizione.

 

Le regole sono ovviamente applicabili per tutto il comparto degli Enti Pubblici, compresi Enti Locali e comparto Scuola.

Fonte: Orizzonte Scuola (www.orizzontescuola.it) - articolo di Paolo Pizzo
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] mancanza o in presenza di patologie invalidanti del padre e della madre, anche adottivi, ha diritto a fruire del congedo uno dei figli conviventi. In caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti dei […]