lentepubblica

Congedo parentale lavoratori autonomi: ecco cosa c’è da sapere

lentepubblica.it • 30 Novembre 2022

congedo parentale lavoratori autonomiVediamo come funziona il Congedo parentale per i lavoratori autonomi, come fare domanda e qual è l’importo dell’indennità.


Congedo parentale lavoratori autonomi: tra le novità degli ultimi giorni c’è l’inclusione del Congedo parentale anche per i padri lavoratori autonomi.

La norma, infatti, era prevista solo per le mamme lavoratrici nel campo autonomo, ma col decreto legislativo n.105 del 30 giugno 2022, sono state introdotte le norme apposite che regolano il congedo anche per i padri.

L’obiettivo è quello di conseguire la condivisione delle responsabilità di cura tra uomini e donne, permettendo la parità di genere, sia in ambito privato che in ambito lavorativo.

Vediamo allora come funziona il congedo parentale per i lavoratori autonomi.

Congedo parentale lavoratori autonomi: quando spetta

Come indicato sul sito dell’Inps, il requisito essenziale per poter usufruire del congedo parentale è aver effettuato il versamento dei contributi, relativi al mese precedente a quello in cui è iniziato il congedo o una parte di questo.

Durante il congedo, ovviamente, il lavoratore deve astenersi dall’attività lavorativa.

Congedo parentale lavoratori autonomi: quanto dura

Per i lavoratori autonomi, la durata massima di congedo disponibile è di 3 mesi da poter fruire:

  • Entro il primo anno di vita del bambino o dall’ingresso in famiglia (in caso di affidamento o adozione) per il lavoratore autonomo;
  • Dopo la fine del periodo indennizzabile di maternità ed entro il primo anno di vita del bambino o dall’ingresso in famiglia, per la lavoratrice autonoma.

La durata del congedo è valida per ogni bambino: ad esempio, in caso di parto gemellare, il periodo di congedo fruibile sale a 6 mesi per entrambi i genitori.

congedo parentale lavoratori autonomiCongedo parentale lavoratori autonomi: a quanto ammonta

Così come per i lavoratori dipendenti, anche per i lavoratori autonomi l’indennità sostitutiva della retribuzione è pari al 30%. In questo caso, però, la percentuale viene calcolata sulla retribuzione convenzionale giornaliera, stabilita dalla legge ogni anno, a seconda della categoria di appartenenza.

Ad esempio, nel 2022 la retribuzione convenzionale è pari a 49,91 euro: il congedo, quindi, sarà poco inferiore ai 15 euro.

Come inviare la domanda

Per poter richiedere il congedo, occorre inoltrare la domanda prima dell’inizio del periodo indennizzato.

L’unica eccezione vale per i padri lavoratori autonomi, per i quali la procedura è stata avviata solamente in questi giorni. In questo caso specifico, i lavoratori potranno fare richiesta per periodi di astensione fruiti tra il 13 agosto 2022 (data dell’entrata in vigore del decreto) e il 25 novembre (data di pubblicazione del messaggio Inps).

La richiesta va fatta in via telematica, tramite uno dei seguenti canali:

  • Area personale MyInps;
  • Numero verde Inps, 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 (da rete mobile);
  • Istituti di patronato e intermediari dell’Istituto.
0 0 votes
Article Rating

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments