lentepubblica


Consumo di risorse ambientali, quanto è attendibile l’analisi dell’ISTAT?

lentepubblica.it • 19 Marzo 2024

consumo-risorse-ambientali-analisi-istatUn recente ebook dell’ISTAT, dedicato all’analisi del consumo di risorse ambientali e degli ecosistemi, fornisce dati che l’istituto di statistica considera “preoccupanti”: ma la riflessione è abbastanza ponderata oppure no?


L’ebook dell’ISTAT sull’ambiente offre una panoramica sulle pressioni ambientali causate dal sistema socioeconomico italiano. Sul banco degli imputati, secondo l’ebook, troviamo depauperamento delle risorse naturali, alterazione degli ecosistemi, inquinamento.

In tal senso la fotografia scattata dall’Istituto di statistica sembrerebbe “preoccupante”. Ma al di là degli allarmismi si tratta davvero di un ritratto attendibile oppure no? Proviamo ad analizzare in maniera critica questa pubblicazione e cerchiamo di comprendere cosa è “rimasto fuori” dalla visione d’insieme.

Consumo di risorse ambientali, quanto è attendibile l’analisi dell’ISTAT?

In primo luogo sorgono alcuni interrogativi su questo tipo di analisi e metodologia.

La mera presentazione di dati, seppur significativi, è davvero sufficiente per affrontare una “crisi” di questo tipo?

Inoltre si parla di “sviluppare una conoscenza dei fenomeni ambientali” e di “promuovere una cultura ambientale”, ma non si entra nel merito di come farlo in modo concreto ed efficace.

Un altro dubbio che emerge è che questa istantanea sulla contemporaneità si limita a fotografare la situazione attuale, senza approfondire le cause strutturali che hanno portato al degrado ambientale. Ad esempio il sistema economico capitalistico, basato sulla crescita illimitata e sull’estrazione incontrollata delle risorse, non viene messo in discussione.

Infine l’ebook non esplora alternative alle visioni d’insieme attuali. Alcuni aspetti potrebbero essere contestati o approfonditi con una visione diametralmente opposta.

Occorrerebbe infatti un approccio più equilibrato che tenga conto delle diverse sfaccettature del problema e proponga soluzioni concrete e realistiche. Ed è quello che proveremo a fare, in maniera imparziale, qui di seguito.

Prospettive alternative

Sostenibilità economica e tutela ambientale: due binomi che, per troppo tempo, sono stati erroneamente considerati in contrasto. L’idea che la crescita economica possa avvenire solo a scapito dell’ambiente ha dominato per decenni. Ma è davvero così? È davvero impossibile conciliare il benessere economico con la salvaguardia del pianeta?

L’allarmismo dilagante sui temi ambientali rischia di offuscare la razionalità e di ostacolare un dibattito costruttivo, pertanto qui di seguito riassumiamo alcuni punti di vista alternativi sulla materia.

Critiche al catastrofismo: un approccio equilibrato ai problemi ambientali

Negli ultimi anni, la questione ambientale ha acquisito un’importanza fondamentale nel dibattito pubblico. Da un lato, è positivo che si sia accesa la luce su un tema di vitale importanza per il futuro del pianeta. Dall’altro, l’allarmismo dilagante rischia di offuscare la razionalità e di ostacolare un dialogo costruttivo.

Enfasi eccessiva sui rischi

L’informazione sull’ambiente è spesso dominata da toni apocalittici e da previsioni catastrofiche. Si parla di “fine del mondo”, di “estinzione di massa” e di “collasso imminente”. Questo clima di terrore ingiustificato può avere diverse conseguenze negative:

  • Crea ansia e depressione, soprattutto nelle fasce più giovani della popolazione.
  • Mina la fiducia nel futuro e la capacità di immaginare soluzioni positive.
  • Porta a decisioni irrazionali e a politiche inefficaci.

Generalizzazione dei dati

Spesso si tende a generalizzare dati e a presentare situazioni complesse come se fossero semplici ed univoche. Non si tiene conto delle specificità territoriali, dei progressi compiuti negli ultimi anni e delle diverse sfide che ogni paese deve affrontare.

Demonizzazione di alcuni settori

Alcune attività economiche, come l’industria e l’agricoltura, vengono spesso demonizzate come se fossero le sole responsabili dei problemi ambientali. Questo approccio manicheo non solo è ingiusto, ma rischia di frenare l’innovazione tecnologica e di danneggiare l’economia.

Fattori da considerare per un dibattito costruttivo

Per affrontare la questione ambientale in modo razionale e costruttivo, è necessario tenere conto di alcuni fattori importanti:

  • Il clima è sempre cambiato naturalmente nel corso della storia. Il ruolo dell’uomo è significativo, ma non necessariamente determinante.
  • La crescita economica ha portato a un miglioramento delle condizioni di vita per miliardi di persone. Non si può demonizzare tout court.
  • La tecnologia può essere un alleato prezioso per la tutela dell’ambiente. Investire in innovazione è fondamentale.

Soluzioni alternative per un futuro sostenibile

L’allarmismo non è la risposta. È necessario promuovere un approccio equilibrato e costruttivo che integri le esigenze economiche con quelle ambientali. Alcune soluzioni alternative potrebbero essere:

  • Promuovere uno sviluppo sostenibile che punti all’efficienza energetica, alla riduzione delle emissioni e alla tutela delle risorse naturali.
  • Favorire il dialogo tra le diverse parti interessate (governi, imprese, cittadini, associazioni ambientaliste) per trovare soluzioni condivise.
  • Investire in ricerca e sviluppo per trovare soluzioni tecnologiche innovative ai problemi ambientali.
  • Assumere una visione olistica che tenga conto della complessità dei problemi ambientali e delle loro interconnessioni con altri aspetti della società.

Conclusioni

In conclusione, potrebbe essere necessario un cambio di rotta verso un dibattito più costruttivo e razionale. Solo cosi potremo costruire un futuro migliore per il pianeta e per le generazioni future.

Evitare di alimentare la paura e l’ansia non significa negare la gravità dei problemi ambientali. Si tratta, piuttosto, di adottare un approccio realistico e pragmatico che tenga conto di tutte le sfide e le opportunità che ci attendono.

L’obiettivo ultimo è trovare soluzioni concrete e attuabili che ci permettano di tutelare l’ambiente e, al tempo stesso, di garantire il benessere e la prosperità della società.

L’ebook dell’ISTAT

Qui il documento completo.

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments