Crescono i conti correnti e il denaro non circola: la crisi spaventa ancora

lentepubblica.it • 9 Febbraio 2018

Nonostante i dati abbastanza rassicuranti in merito a quella che è e che sarà la situazione economica, in Italia il denaro ancor non circola come dovrebbe e le aziende, nonché le famiglie, non investono i propri risparmi al fine di farli fruttare al meglio.


Ecco perché, stando a una approfondita analisi, si nota una crescita abbastanza importante del numero dei conti correnti sui quali sono detenute cifre che, sommate, vanno a superare di gran lunga i 1000 miliardi di euro. Delle somme  dir poco importanti che, quindi, vengono congelate a tutti gli effetti, senza essere spese o mosse.

 

Questo dimostra che gli italiani non sono ancora propensi agli investimenti e che, a conti fatti, preferiscono ancora tener bloccati i loro risparmi su conti correnti o sotto il materasso, come si suol dire.

 

A provocare tutto ciò è, senza dubbio, la paura di una nuova crisi economica, che porta con sé diverse conseguenze. Come detto, si preferisce accumulare e si aprono sempre più conti correnti, mentre le banche aumentano le loro riserve che, in un solo anno, sono cresciute di ben 55 miliardi di euro.

 

A darci il quadro completo della situazione ci ha pensato una ricerca del Centro Studi di Unimpresa, che ha messo in luce quello che è l’andamento delle riserve delle famiglie e delle imprese italiane. Stando ai dati, i salvadanai delle famiglie italiane sono cresciuti di ben 23 miliardi di euro, mentre i fondi delle imprese sono aumentati di 30 miliardi di euro.

 

I dati in questione parlano chiaro e dimostrano che, nei fatti, le famiglie sono ancora molto poco propense a spendere e a far girare l’economia, preferendo, invece, lasciare in banca i propri soldi. Solo lo scorso anno, infatti, la percentuale di denaro congelato è cresciuta del 2,5%.

 

Questo vale anche per le aziende che, come già sottolineato, tendono a non investire, andando di fatto ad aumentare quelli che sono i propri fondi, che sono cresciuti, solo nel 2017, di circa 29 miliardi (+12%).

 

Lo stesso discorso si può fare anche per le imprese familiari, che hanno visto anch’esse crescere i loro fondi, sebbene in maniera minore rispetto alle altre.

 

A frenare consumi e gli investimenti sono, nello specifico, l’assenza di certezze per il futuro e, soprattutto, la paura di nuove tasse. Questo è ciò che preoccupa più di tutto gli italiani e che li fa propendere per un congelamento di quelli che sono i propri risparmi.

 

Alla luce di quanto detto, però, è importante sottolineare che il conto corrente potrebbe anche essere un’arma a doppio taglio. Ce ne sono alcuni che si caratterizzano per delle spese di gestione molto salate che, quindi, potrebbero andare a erodere il risparmio senza rendersene conto. La scelta, quindi, deve essere oculata e ci si deve affidare a dei consigli degli esperti.

 

Per questo motivo si consiglia il sito www.affarimiei.biz dove è possibile trovare tutte le migliori offerte per l’apertura di un conto corrente sicuro e semplice da gestire, con delle spese pari a zero o, in ogni caso, ridotte ai minimi termini. Utilizzando il sito in questione, si può essere sempre aggiornati su quelle che sono le migliori offerte e condizioni legate all’apertura di un conto corrente.

 

In questo modo, quindi, si potranno depositare i propri soldi, con la consapevolezza di non avere delle spese esagerate per la gestione del conto. Affidarsi agli esperti è sempre la soluzione migliore, specialmente nel caso in cui si parli di gestione dei propri risparmi e soprattutto nel caso in cui si ha paura di investirli in altri modi.

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami