fbpx

Conto corrente giovani più conveniente: criteri per la scelta

lentepubblica.it • 11 Febbraio 2019

conto-corrente-giovani-piu-conveniente-criteri-per-la-sceltaLa scelta del conto corrente giovani più conveniente non è sempre un’operazione semplice.


Con il termine giovani si considerano quei soggetti under 30 che si affacciano per la prima volta nel mondo del lavoro e hanno poca esperienza del sistema bancario. Quindi possono trovarsi in difficoltà nel valutare il conto corrente più adatto alla proprie esigenze.

Avere dei criteri per il confronto potrebbe essere molto vantaggioso per poter considerare le diverse scelte possibili. Ma quali sono quelli necessari al fine di aprire il conto corrente giovani più adatto?

Le caratteristiche di un conto giovani

Per valutare il conto corrente giovani più conveniente, possono essere utili una serie di parametri stilati in collaborazione con migliorcontocorrente.net in modo da confrontare le diverse offerte proposte dalle banche:

  • Tipologia di conto: per prima cosa bisogna considerare il tipo di conto da aprire. Basta fare una semplice ricerca sul web per trovare una moltitudine di conti digitali. Gli istituti che offrono questa forma di servizio non hanno uno sportello reale e quindi l’apertura, l’operatività e l’eventuale chiusura vengono effettuate direttamente online. Dall’altro lato vi è la possibilità di aderire a un conto presso uno sportello fisico di un istituto di credito approfittando delle offerte giovani;
  • Tassi d’interesse: un altro parametro da valutare è il tasso predisposto da una banca e garantito nel momento in cui vengono depositati soldi sul conto. Negli ultimi tempi i costi delle banche sono aumentati e in proporzione i tassi d’interesse diminuiti. Molti istituti di credito prevedono tassi elevati per la fascia d’età under 30;
  • Buoni regalo: sempre più banche, per invogliare l’apertura di conti correnti da parte dei giovani, offrono anche una serie di regali. Un esempio sono i buoni spesa da utilizzare su Amazon entro un periodo di tempo preciso, oppure eventuali convenzioni con gestori telefonici, con l’opportunità di ricevere anche uno smartphone. È possibile ottenere dei bonus di benvenuto se viene presentato un amico, come per il conto giovani N26;
  • Addebito canone mensile e spese di gestione: quasi tutti i conti correnti per giovani vengono offerti come conti a zero spese oppure con un costo molto ridotto. È importante valutare quale siano i reali costi fissi e variabili. Nel primo caso si considerano quelli collegati direttamente al conto indipendentemente dalle operazioni effettuate. Nel secondo invece i costi dovuti collegati alle singole operazioni svolte;
  • Tipologie di servizi offerti: in un conto giovani è importante poter effettuare operazioni come l’invio e l’accredito di bonifici italiani o europei, oppure la domiciliazione delle bollette di acqua, luce e gas soprattutto nel caso di un giovane che si trova lontano da casa. Mentre può essere meno rilevante la presenza del servizio per il pagamento di MAV o F24. Anche il numero di prelievi che possono essere effettuati in un determinato periodo di tempo è un criterio utile. Inoltre è da considerare la disponibilità di un bancomat e le eventuali commissioni collegate ad acquisti presso gli esercenti o a prelievi ai singoli ATM. Spesso le banche online che non hanno sportelli reali impostano commissioni di base pari a zero. La possibilità di avere una carta legata al circuito Mastercard in modo da effettuare pagamenti direttamente online può essere utile nella scelta del conto corrente più conveniente per i giovani;
  • Connettività: portare il conto sempre con sé e poter controllare in ogni momento la disponibilità non solo dal proprio computer, ma anche da smartphone e tablet, è un altro parametro da prendere in considerazione.

L’importanza dell’ISC nella valutazione

L’ISC è stato introdotto dalla Banca d’Italia con la riforma del 29 luglio del 2009 nella quale si è voluta sottolineare l’importanza della trasparenza da parte degli istituti di credito con l’obbligo di inserire nei loro foglietti informativi il suddetto indicatore. Il parametro rispecchia il costo complessivo di un determinato conto corrente.

Il valore è espresso in euro ed è comprensivo di tutte le spese annue, sia costi fissi che variabili, ad esclusione dell’eventuale imposta di bollo. Grazie all’ISC sarà possibile mettere a confronto differenti conti correnti utilizzando una serie di parametri come per esempio la tipologia di servizi, la gestione della liquidità e gli eventuali finanziamenti

N26: un conto adatto ai giovani

N26 è considerato tra i migliori conti da gestire direttamente online e tramite un’applicazione dedicata. Sarà possibile scegliere tra due tipologie di conti di cui una completamente gratuita. Una volta effettuata la registrazione attraverso il computer, si dovrà installare l’applicazione sul telefono e completare i vari form con l’invio dei documenti e la richiesta di un selfie per l’identificazione finale.

Leggi anche la recensione completa di N26.

Dopo un solo giorno lavorativo avrete la verifica che la procedura è andata in porto e che il vostro conto è attivo. N26 prevede la possibilità di avere una carta di debito Mastercard, che viene consegnata entro pochi giorni dall’apertura del conto, attraverso la quale poter prelevare o effettuare pagamenti ed è gestibile direttamente online. Inoltre sarà possibile eseguire bonifici o trasferimenti di soldi su altre carte in pochi click e in modo gratuito. Le operazioni di prelievo e di versamento sono prive di commissioni.

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami