Contratti di Espansione: una guida alle regole e alle ultime novità

lentepubblica.it • 8 Giugno 2021

contratti-di-espansioneUna guida ai contratti di espansione: strumenti che consentono di gestire ristrutturazioni aziendali puntando all’inserimento di nuove competenze.


Infatti il contratto di espansione offre non solo il modo di agevolare il ricambio generazionale, ma anche di favorire un turn over delle professionalità per la realizzazione di piani di reindustrializzazione o riorganizzazione.

Scopriamo, dunque, qui di seguito quali sono le specifiche di questa tipologia contrattuale e in quali casi è applicabile.

Contratti di Espansione: cosa sono?

Il contratto di espansione consente alle aziende una pluralità di azioni: far uscire personale a 60 mesi dalla pensione di vecchiaia o di anzianità con un percorso di esodo incentivato.

In breve il contratto di espansione è un ammortizzatore sociale che riguarda le imprese che hanno più di 250dipendenti e sono interessate da azioni di reindustrializzazione e riorganizzazione che prevedano anche la modifica dei processi aziendali con conseguente esigenza di adeguare le competenze professionali dei lavoratori.

Normativa contratti di espansione normativa

listituto del Contratto di espansione, previsto dallart. 41 del d.lgs. n. 148/2015, originariamente rivolto alle imprese con un organico superiore alle 1.000 unità in via sperimentale per gli anni 2019 e 2020.

Listituto, è stato esteso, ad alcune condizioni, anche alle aziende con un organico non inferiore a 250 unità, risulterà quindi appetibile anche alle medie aziende favorendo un ricambio generazionale dei lavoratori usufruendo:

  • da una parte dello scivolo pensionistico
  • e dallaltra delle agevolazioni allassunzione previste sempre dalla legge di bilancio 2021.

L’intervento della Legge di Bilancio 2021

La Legge di Bilancio per il 2021 ha infatti operato una “riverniciatura” delle norme sul contratto di espansione introdotte dal decreto legislativo n.148/2015 e che riguardano il meccanismo con il quale le aziende possono procedere alla modifica dei processiaziendali, ai fini di un progresso e di uno sviluppo tecnologico dell’attività svolta, nonché ad un ringiovanimento dei propri organici.

Uno degli aspetti più importanti del contratto di espansione è quello che attiene ad una forma di prepensionamento dei lavoratori delle aziende che intendono avvalersi di tale contratto.

Requisiti per stipulare i contratti di espansione

Le Aziende che attivano dei processi di reindustrializzazione e riorganizzazione che comportano, in tutto o in parte, una strutturale modifica dei processi aziendali finalizzati al progresso e allo sviluppo tecnologico dellattività, nonché la conseguente esigenza di modificare le competenze professionali in organico mediante un loro più razionale impiego e,in ogni caso, prevedendo lassunzione di nuove professionalità.

La circolare del Ministero del lavoro 16 del 6 settembre 2019 ammette il ricorso al contratto di espansione anche quando limpresa la cui struttura sia articolata in diverse unità produttive, abbia in corso in sedi diverse da quella coinvolta dalle finalità del contratto di espansione altri strumenti di ammortizzatori sociali.

Aziende con un organico non inferiore alle 250 unità

Lavoratori occupati mediamente nei 6 mesi precedenti raggiungibili anche con una rete di Imprese nell’ipotesi di aggregazione con un’unica finalità produttiva o di servizi.

In presenza di tali requisiti i lavoratori interessati:

  • Possono beneficiare delle misure di accompagnamento alla pensione se in possesso dei requisiti;
  • Non possono beneficiare della riduzione di orario, che è rimasta solo per le aziende con un organico non inferiore alle 500 unità lavorative.

Aziende con un organico non inferiore alle 500 unità

Lavoratori occupati mediamente nei 6 mesi precedenti raggiungibili anche con una rete di imprese nell’ipotesi di aggregazione con un’unica finalità produttiva o di servizi.

In presenza di tali requisiti i lavoratori interessati possono:

  • Beneficiare delle misure di accompagnamento alla pensione se in possesso dei requisiti;
  • Per i lavoratori che non hanno i requisiti è possibile beneficiare di una riduzione orario con integrazione salariale da parte della C.I.G.S.

Determinazione dell’organico

Per determinare l’organico, occorre considerare nel semestre anche i periodi di sosta e di sospensione stagionale, mentre in caso di nuove attività si determinerà in relazione ai mesi di attività, se inferiori al semestre.

Gli accordi contrattuali, in caso aggregazioni di imprese con un’unica finalità produttiva o di servizi devono essere sottoscritti in data antecedente alla stipula del contratto di espansione e mantenere gli effetti per tutto il periodo.

Efficacia dei contratti di espansione

Il contratto di espansione, ai fini della sua efficacia, deve contenere:

  • il numero dei lavoratori da assumere e lindicazione dei relativi profili professionali compatibili con i piani di reindustrializzazione o riorganizzazione, nonché le relative tipologie contrattuali;
  • la programmazione temporale delle assunzioni;
  • lindicazione della durata a tempo indeterminato dei contratti di lavoro, compreso il contratto di apprendistato professionalizzante;
  • relativamente alle professionalità in organico, la riduzione complessiva media dellorario di lavoro e il numero dei lavoratori interessati (solo per le aziende con almeno 500 unità), nonché il numero dei lavoratori anziani da accompagnare alla pensione.
  • e nel caso di ricorso allaccompagnamento alla pensione, la stima del costo previsto a copertura del beneficio previsto per il periodo di diritto teorico della NASPI.

contratti di espansione proceduraLe procedure di erogazione dell’indennità mensile correlata al contratto

Grazie alle indicazioni dell’INPS sono state definite le procedure di erogazione dell’indennità di accompagnamento alla pensione riservata ai lavoratori che risolvano consensualmente il loro rapporto di lavoro, estese dalla legge di Bilancio 2021 anche alle imprese più piccole.

Con la circolare INPS 24 marzo 2021, n. 48, l’Istituto infatti illustra le disposizioni in materia di indennità mensile erogabile ai dipendenti di imprese che hanno stipulato un contratto di espansione, che risolvono il rapporto di lavoro e si trovano a non più di 60 mesi dalla prima decorrenza utile per la pensione di vecchiaia o la pensione anticipata.

L’indennità mensile decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di risoluzione del rapporto di lavoro e viene corrisposta fino alla data di raggiungimento della prima decorrenza utile per la pensione.

La circolare riporta i requisiti richiesti alle imprese e le indicazioni per la stipula del contratto di espansione, subordinato alla sottoscrizione di un accordo tra il datore di lavoro e le organizzazioni sindacali aziendali e alla successiva adesione da parte del lavoratore. La cessazione del rapporto di lavoro si configura pertanto come una risoluzione consensuale.

Per quanto riguarda l’indennità mensile, vengono indicati i requisiti per i lavoratori, le caratteristiche della prestazione, il programma annuale di esodo e le modalità di presentazione all’INPS, da parte del datore di lavoro, dell’accordo sottoscritto e del “Modello di accreditamento e variazioni”.

Nella circolare, inoltre, sono fornite le informazioni sulla liquidazione della prestazione, sulla compilazione del flusso UNIEMENS , sullo svolgimento di attività lavorativa durante il periodo di fruizione dell’indennità e sulla liquidazione della pensione di vecchiaia o anticipata.

A questo link il testo della Circolare.

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments