lentepubblica

Controlli visita fiscale: cosa succede se il medico non ti trova a casa

lentepubblica.it • 11 Gennaio 2023

controlli visita fiscaleIn caso di malattia, il lavoratore riceve dei controlli, ma cosa succede se il medico non ti trova a casa per la visita fiscale? Vediamolo insieme.


Controlli visita fiscale: quando un lavoratore dipendente, sia del settore pubblico che di quello privato, è in malattia e non può andare a lavoro, deve contattare il medico per redigere il certificato di malattia da inviare all’Inps.

Come sappiamo, però, ci sono degli orari di reperibilità da rispettare, che variano tra pubblico e privato.
Cosa succede se il medico non ti trova a casa per la visita fiscale?

Vediamo quali sono le conseguenze.

Controlli visita fiscale: cosa succede se il medico non ti trova a casa

Nel certificato medico, viene indicato l’indirizzo dell’abituale residenza o del domicilio e ci sono degli orari di reperibilità, ovvero fasce orarie nelle quali il dipendente deve essere presente in casa, per la visita fiscale.

Le fasce orarie variano tra settore privato e pubblico:

  • Per il settore privato, gli orari di reperibilità vanno dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19;
  • Per il settore pubblico, gli orari di reperibilità vanno dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Se il medico non trova il dipendente a casa, lascia un avviso nel quale informa il lavoratore di non averlo trovato e dove gli comunica di presentarsi in ambulatorio il giorno successivo (se non è festivo) per fare la visita.

Il medico, comunque, comunicherà l’assenza all’Inps, che dovrà comunicarla, a sua volta, al datore di lavoro.
Se il giorno dopo, il dipendente non si presenta in ambulatorio, dovrà presentare una giustificazione per l’assenza, entro 10 giorni. In caso contrario, ci sono delle sanzioni.

controlli visita fiscaleControlli visita fiscale: quali sono le sanzioni in caso di assenza

Se il dipendente non si trova a casa, durante gli orari di reperibilità, può andare incontro a delle sanzioni.

Ecco quali sono:

  • Perdita dell’indennità di malattia, fino a 10 giorni (in caso di assenza al primo controllo);
  • Decurtazione del 50% dell’indennità di malattia (in caso di assenza al secondo controllo);
  • Perdita totale dell’indennità di malattia (in caso di terza assenza al controllo);
  • Sanzioni disciplinari, che possono comprendere anche il licenziamento per giusta causa (se recidivo), come stabilito dalla sentenza 24682/2016 della Corte di Cassazione.

Ricordiamo, inoltre, che se la visita viene fatta fuori dalle fasce orarie di reperibilità, il lavoratore non può essere sanzionato.

Controlli visita fiscale: quali sono le esenzioni

Secondo l’art.2 del DPCM n°206/2009, ci sono delle esenzioni per la reperibilità nelle fasce orarie che conosciamo.

Le esenzioni riguardano:

  • Patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • Infortuni sul lavoro;
  • Malattie per le quali è stata riconosciuta la causa di servizio;
  • Stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta, se è pari o superiore al 67%.

Ci sono, poi, dei casi di assenze giustificate, confermate da prassi e giurisprudenza e sono:

  • Visite mediche col proprio medico curante, se è impossibile effettuarle fuori dalle fasce di reperibilità;
  • Iniezioni per trattamenti legati alla causa di presentazione del certificato medico;
  • Ritiro di radiografie (sempre collegate al certificato medico);
  • Necessità di andare in farmacia;
  • Cure dentistiche urgenti;
  • Attività di volontariato, anche se non legate direttamente alla malattia e nel caso in cui non mettano a repentaglio la salute del lavoratore;
  • Visite a parenti in ospedale, se non è possibile farle fuori dalle fasce di reperibilità.
4.8 5 votes
Article Rating

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Alessandro feola
Alessandro feola
12 Gennaio 2023 19:33

Il mio parere è che non si può chiamare visita ma accertamento di presenza a casa si potrebbero mandare i carabinieri come si fa per gli arresti domiciliari in quanto di visita non si può propio parlare perché è solo un quesito che non serve a niente soldi sprecati dallo stato per mandare un medico in giro meglio se li mettessero a lavorare negli ospedali che mancano tanti medici