Covid-19: le indicazioni del Ministero sulla gestione domiciliare dei pazienti

lentepubblica.it • 2 Dicembre 2020

covid-19-gestione-domiciliare-pazientiArrivano le indicazioni del Ministero della Salute sulla corretta gestione domiciliare dei pazienti affetti da Covid-19.


L’infezione da SARS-CoV-2 è una condizione estremamente complessa per i meccanismi fisiopatogenetici connessi, per la molteplicità delle manifestazioni cliniche e per il ruolo giocato dalla risposta immunitaria dei soggetti.

Per questo il ministero ha fornito indicazioni operative per la corretta gestione a domicilio del caso fin dalla diagnosi, con il duplice scopo di

  • mettere in sicurezza il paziente
  • e non affollare in maniera non giustificata gli ospedali e soprattutto le strutture di pronto soccorso.

Covid-19: le indicazioni del Ministero sulla gestione domiciliare dei pazienti

I Medici devono giocare, in stretta collaborazione con il personale delle USCA (Unità Speciali di Continuità Assistenziale) e con eventuali unità di assistenza presenti sul territorio, un ruolo cruciale nell’ambito della gestione assistenziale dei malati COVID-19 rispetto ai seguenti aspetti:

  • identificazione dei soggetti a rischio di contagio da SARS-CoV-2;
  • segnalazione ai dipartimenti di prevenzione delle aziende sanitarie locali (ASL)/aziende territoriali sanitarie (ATS), dei casi sospetti nei quali è richiesta l’esecuzione di test diagnostico;
  • identificazione delle condizioni abitative e familiari che possono rendere non applicabile l’isolamento domiciliare;
  • monitoraggio e gestione domiciliare dei pazienti che non richiedono ospedalizzazione;
  • istruzione dei pazienti sull’utilizzo di presidi di monitoraggio a domicilio;
  • prescrizione di norme di comportamento e terapie di supporto;
  • istituzione di un’alleanza terapeutica con il paziente e con il caregiver;
  • identificazione precoce di parametri e/o condizioni clinichea rischio di evoluzione della malattia con conseguente necessità di ospedalizzazione;
  • realizzazione di test diagnostici rapidi per screening di contatto stretto di caso o per riammissione in comunità di contatto stretto di caso e asintomatico
  • identificazione degli assistiti >70 anni e portatori di 3 o più patologie a rischio;
  • e infine identificazione degli assistiti portatori di patologia a rischio (ad esempio neoplasia, obesità morbigena, condizioni psichiatriche gravi).

Il testo della Circolare

A questo link potete consultare il testo completo della Circolare.

 

0 0 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments