fbpx

La crisi economica e la cultura risparmiatrice degli italiani: conti deposito e conti corrente

lentepubblica.it • 9 Aprile 2018

crisi-economicaNel 2007 negli Stati Uniti una bolla finanziaria ha acceso la scintilla della crisi economica attraverso la cosiddetta “crisi dei subprime”, la concessione, cioè, di mutui a tassi più elevati a soggetti che non potevano accedere ai mutui ordinari e che quindi non potevano onorare i propri debiti.


La bolla trascinò verso il fallimento numerose banche d’oltreoceano e, di riflesso, a partire dal 2008, altrettante banche in Europa. Questo evento destabilizzò numerosi paesi del nostro continente, in particolare il nostro, perché portò alla crisi industriale e a un aumento del debito pubblico.

 

Gli italiani hanno confermato la loro spiccata cultura del risparmio, facendo registrare al Fidt, il fondo interbancario di tutela dei depositi, un aumento del 44% delle somme di denaro investite in conti deposito che godono di questa tutela.

 

Se si vuole dare un’occhiata ai numeri riguardanti il denaro che gli italiani affidano alle banche e che è assicurato dal fondo di tutela, tra la fine del 2007 e la seconda metà del 2017, gli italiani hanno accresciuto del 50% le somme di denaro investite in fondi oggetto di tutela, con cui si indicano i conti correnti, deposito, le obbligazioni, i libretti e altre modalità protette dal Fidt, e, in particolare, hanno aumentato da 402 a 578 miliardi di euro gli investimenti in conti deposito.

 

Si tratta quindi di una forte crescita della fiducia degli italiani nei confronti di questi strumenti finanziari che tuttavia richiedono una maggiore responsabilità anche per evitare di incappare in truffe finanziarie che, in questi ultimi anni, sembrano aumentate proporzionalmente all’aumento delle cifre investite. Uno strumento  inventato dalle banche per l’apertura dei conti sono le promozioni sui conti correnti. Di solito in questi casi vengono remunerati gli utenti che aprono dei conti con dei speciali codici offerta con dei premi differenti: buoni acquisto, dispositivi elettronici come telefoni, tablet e console per video game.

 

Le truffe finanziarie più diffuse per accedere ai conti correnti online e i consigli per non perdere i propri risparmi

 

Skimming e Phishing

 

La prima strategia da cui bisogna difendersi è la sottrazione dei propri dati e dei codici segreti necessari ad effettuare operazioni all’interno del conto corrente. Concretamente questa truffa finanziaria può avvenire attraverso l’alterazione di sportelli e POS volti a trattenere i dati sensibili per utilizzarli per svuotare il conto preso di mira. Tale metodo, conosciuto come “Skimming”, colpisce soprattutto le persone più deboli e impreparate, cioè gli anziani, che hanno bisogno, per questo motivo, di maggiore protezione. Quando questi tentativi si attuano digitalmente avviene il cosiddetto “Phishing”, con cui il truffatore, tramite SMS o e-mail, tenta di ottenere i codici di accesso alle aree riservate dei conti online o i codici segreti delle carte. A tal riguardo ti ricordiamo che la condivisione dei codice IBAN non può essere causa di truffe finanziarie e, inoltre, che la tua banca non ti chiederà mai di dichiarare i tuoi codici segreti, visto che la maggior parte dei truffatori tende a fingere di essere un operatore della tua banca. Per evitare queste truffe, un’importante abitudine è tenere sotto controllo le operazioni che avvengono all’interno del tuo conto corrente.

 

Carding matematico

 

Un altro metodo di truffa finanziaria è il cosiddetto “Carding matematico” che, mediante programmi informatici capaci di riprodurre i codici della carta, permette di entrare in possesso delle OTP (“One Time Password”) che, dall’area riservata della banca, consentono di effettuare operazioni a nome dell’intestatario. Si tratta quindi di un’invasione che non necessita necessariamente delle carte e dei PIN, ma solo dei codici di accesso all’area riservata: conservali quindi con cura e tienili segreti.

 

Sniffing e Key logging

 

Lo Sniffing e il Key logging sono truffe finanziarie che si servono entrambe di programmi che minano i conti correnti degli utenti che sono soliti manovrare il proprio conto tramite il PC. Lo Sniffing si serve di un software capace di “annusare” (snif) dal pc quando avviene un’operazione sul conto, catturare i dati inseriti per eseguire l’operazione e riprodurli a scopo di frode. Il Key logging invece si serve della manomissione della tastiera su cui vengono inseriti i codici segreti per sottrarli all’intestatario del conto.

 

Per evitare questo tipo di frodi è sufficiente accertarsi che il proprio pc abbia installato dei buoni software di protezione contro i virus.

 

Ora che sei aggiornato sulle principali truffe finanziarie di cui potresti essere vittima, non spaventarti! La soluzione non è mettere i tuoi soldi sotto il materasso, ma continuare a investire e acquisire una maggiore responsabilità nella gestione dei tuoi conti. Se vuoi scoprire quali sono i conti migliori su cui investire i tuoi risparmi, dai un’occhiata ai nostri articoli sui migliori depositi in circolazione:

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
lentepubblica.it - Conto Corrente gratuito per le famiglie a basso reddito Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami