Approvato il Decreto Covid Aprile 2021: Italia ancora “blindata”

lentepubblica.it • 1 Aprile 2021

decreto-covid-aprile-2021Dopo la riunione del Consiglio dei ministri il Governo ha deciso in merito alle misure anti-Covid: ecco tutti i nuovi scenari dopo l’approvazione del Decreto.


Decreto Covid Aprile 2021: ecco cosa cambierà nelle prossime settimane.

Il governo, infatti, teme una risalita dei contagi di Coronavirus: la situazione epidemiologica funestata dalla diffusione delle varianti, preoccupa il presidente del Consiglio Mario Draghi che ai suoi, in queste ore, ha continuato a ripetere che è «inutile illudere gli italiani con questi numeri».

Ecco dunque cosa accadrà durante il mese di Aprile.

Decreto Covid Aprile 2021: Italia “blindata” fino a Maggio

Il decreto composto da 12 articoli disciplina le regole che si applicheranno dopo Pasqua. Entrerà in vigore mercoledì 7 aprile.

Dopo il Consiglio dei ministri non è prevista alcuna conferenza stampa, né del premier Mario Draghi né dei ministri Roberto Speranza e Maria Stella Gelmini, come accadde nel primo dl anti-Covid del nuovo governo.

Le misure dureranno dunque fino al prossimo 30 Aprile: quindi dal 7 al 30 aprile 2021 tutte le regioni saranno arancioni o rosse. Sarà comunque un Italia in lockodown per un altro mese.

Eventuali allentamenti alle restrizioni saranno decisi dai dati dei contagi e dall’avanzamento della campagna vaccinale.

NON si prevedono AUTOMATISMI per le riaperture.

Obbligo vaccinazione sanitari e farmacisti

Si prevede anche l’obbligo di vaccinazione per sanitari e farmacisti pena il demansionamento o la sospensione senza retribuzione.

La vaccinazione sarà “requisito essenziale” per l’esercizio della professione. Per chi rifiuta è previsto lo spostamento a “mansioni, anche inferiori” con il “trattamento corrispondente alle mansioni esercitate”. Se ciò non è possibile, “per il periodo di sospensione non è dovuta retribuzione”.

Spostamenti

Coprifuoco confermato dalle 22 alle 5, vietati gli spostamenti se non per motivi di salute, lavoro e necessità o per andare presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Fino al 30 aprile nelle zone rosse non sarà consentito andare a trovare parenti o amici una volta al giorno e in massimo due persone (oltre ai minori di 14 anni conviventi) come invece sarà permesso nel weekend di Pasqua quando tutta Italia sarà in rosso.

In zona arancione, invece, le visite saranno consentite, sempre una sola volta al giorno dalle 5 alle 22 e sempre in non più di due persone, all’interno del comune di residenza, come prevede la bozza del decreto.

Senza zone gialle, ma solo con quelle rosse e arancioni, è stato prorogato anche il divieto di spostamento tra le regioni. Si potranno varcare i confini soltanto per “comprovate esigenze” – motivi di lavoro, salute e urgenza – con l’autocertificazione.

Riapertura Scuole

Si torna in classe fino alla prima media in tutta Italia, zone rosse comprese. La bozza del decreto prevede che i governatori non potranno emanare ordinanze più restrittive per sospendere l’attività in presenza.

Concorsi Pubblici

Dal 3 maggio 2021 è consentito lo svolgimento delle procedure selettive in presenza dei concorsi banditi dalle pubbliche amministrazioni”, prevede la bozza del decreto legge. Lo svolgimento delle prove deve avvenire “nel rispetto delle linee guida validate dal Comitato tecnico scientifico”.

Il testo del Decreto in PDF

A questo link potete consultare il testo completo del Decreto in Gazzetta Ufficiale.

 

3.4 5 votes
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments