lentepubblica

Diritto di voto Anziani: Beppe Grillo vorrebbe toglierlo

lentepubblica.it • 18 Ottobre 2019

diritto-voto-anziani-beppe-grillo

Una proposta (che sa un po’ di provocazione) lanciata dal suo blog. Il Diritto di voto agli Anziani, per Beppe Grillo, andrebbe tolto.


Diritto di voto Anziani: Beppe Grillo vorrebbe toglierlo. Questa la proposta lanciata sul suo blog.

Il co-fondatore del M5s, ha pubblicato sul suo blog una riflessione (e una conseguente proposta provocatoria) sulla possibilità di estendere il diritto di voto ai sedicenni.

E come contraltare ha proposto la misura dell’abolizione del diritto di voto per gli anziani.

Diritto di voto Anziani: Beppe Grillo lancia la sua proposta

Beppe Grillo in pratica fa sua la proposta dal filosofo ed economista belga, Philippe Van Parijs, di eliminare il diritto di voto ad una certa età, oppure dare ai genitori voti per procura per ciascuno dei loro figli a carico. Una proposta “per una democrazia più efficace”.

“In un mondo sempre più anziano, esperti, studiosi e politici propongono di abbassare l’età del voto (così come proposi anni fa). Ma cosa dovrebbero fare le democrazie, quando gli interessi degli anziani sembrano essere in contrasto con gli interessi delle giovani generazioni? Una proposta, già ampiamente discussa dal filosofo ed economista belga, Philippe Van Parijs – nonché tra i più grandi sostenitori del reddito universale – potrebbe essere quella di privare il diritto di voto agli anziani, ovvero eliminare il diritto di voto a una certa età (oppure dare ai genitori voti per procura per ciascuno dei loro figli a carico). E’ questa la teoria per una democrazia più efficace quale garanzia di giustizia sociale del professor Van Parijs, in un articolo della rivista accademica Philosophy and Public Affairs, che ai più potrà sembrare drastica, ingiusta e insensata”.

Grillo riporta alcuni dati: quelli dell’Istat sull’invecchiamento progressivo della popolazione in Italia. Quelli che indicano lo scarso interesse delle popolazione più anziana verso il progresso, ma anche verso la politica.

Secondo Beppe Grillo non si pone un tema di discriminazione, fondata sull’età. Sarà sufficiente “un preavviso di 5 anni”.

 

0 0 votes
Article Rating

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Cristina Manfredi
Cristina Manfredi
18 Ottobre 2019 15:26

Una certa età quale sarebbe? Rischiano di restare in 4 gatti a votare, se escludono gli ultra-sessantenni. Forse ci vorrebbe una riforma costituzionale, no?

Lucio Tamagno
Lucio Tamagno
19 Ottobre 2019 9:46

Buongiorno, premesso che credo sia bene ricordare il motto anglosassone “No Taxation Without Representation” e premesso pure che sono 66enne, credo che con qualche correttivo la proposta potrebbe essere accolta. P.es. : 1. se si votasse su temi con implicazioni per il futuro simili alla Brexit, sarebbe corretto escludere i votanti oltre X anni o far pesare il loro voto metà; 2. sarebbe giusto, perlomeno auspicabile che, per esercitare il diritto di voto, magari solo sotto e sopra certe soglie di età, si debba dimostrare un minimo di informazione su temi di politica generale in discussione e anche un livello… Leggi il resto »

Gabriella Picchini
Gabriella Picchini
19 Ottobre 2019 16:26

Premesso che il peso maggiore della nostra economia grava in buona parte su migliaia di pensionati che da anni non vedono un centesimo di aumento, ritengo antidemocratico e anticostituzionale che questi cittadini non abbiano nemmeno il diritto sancito per altro dalla costituzione, di far sentire la propria voce almeno attraverso il voto. Di questo passo perché non proporre addirittura di farli fuori? Un peso di meno ( naturalmente la battuta è provocatoria)

Aporia
Aporia
19 Ottobre 2019 16:42

Sono d’accordo con il comico visto che l’età interessata alla ‘stravagante’ proposta riguarda anche lui. Come eminenza grigia di un movimento di opinione proporrei si limitasse ad operare nelle stanze ovattate del bel mondo radical-chic.

Ferdinando
Ferdinando
21 Ottobre 2019 5:59

Più che sull’età metterei un filtro sulla capacità di comprendere la realtà e decidere per il futuro.

Glauco
Glauco
21 Ottobre 2019 9:51

Ma, Beppe Grillo ha 71 anni a quanti anni un individuo si considera anziano? Anche solo per scherzo o come provocazione è di pessimo gusto e fa capire che razza di individuo sia costui. Allora ammazziamo gli anziani così i miliardi di euro che si risparmiano col termine del pensionamento da parte dell’ INPS li diamo ai giovani che non riescono a trovare lavoro!!

Cristina Manfredi
Cristina Manfredi
22 Ottobre 2019 0:55

Selettivamente, magari. Si potrebbe, ad esempio, toglierlo a Beppe Grillo, che è anziano