lentepubblica

La domotica per la pubblica amministrazione: come gestire il risparmio energetico

lentepubblica.it • 27 Ottobre 2022

domotica pubblica amministrazionePer poter gestire il risparmio energetico, nella pubblica amministrazione, si può ricorrere alla domotica. Ecco come. 


Da parecchi mesi, ormai, l’opinione pubblica dibatte circa la necessità di attuare una grande opera di conversione energetica nazionale, così imponente da investire il settore pubblico e quello privato.

Questo grande cambiamento riguarda soprattutto l’identificazione degli sprechi che, in virtù di come sta evolvendo il mercato energetico globale, sta spingendo tutti noi a ridimensionare i consumi e prestare più attenzione ai costi.

Il risparmio energetico, tuttavia, non può e non deve riguardare solamente l’aspetto del consumo perché, dopotutto, i costi derivanti dall’uso di elettricità, acqua e gas non sono i soli che ci vengono addebitati ogni mese.

Ci sono spese sulle quali solo gli enti di controllo internazionali e nazionali possono intervenire, come ad esempio le tasse, i costi di trasporto e quelli derivanti dalla dispersione o dalla gestione dei contatori.

Consumare meno non è l’unica soluzione da adottare

In pratica stiamo dicendo che consumare meno sia sicuramente una soluzione intelligente ma che questa non sia la sola su cui concentrare gli sforzi, perché il problema è un po’ più complesso e articolato.

Stiamo assistendo a città che convertono alcuni posti di lavoro dalla presenza in ufficio allo smartworking; ma non è sempre la scelta ideale.

In pratica esistono applicazioni recenti, come la domotica e l’insieme di innovazioni tecnologiche, che offrono ottime soluzioni di risparmio. Il loro utilizzo non è esclusivo e, quindi, possono essere adottate da tutti, sia nella sfera pubblica che in quella privata.

Ci riferiamo a scuole, uffici e ospedali e a tutti i luoghi pubblici gestiti dal Governo dove, quotidianamente, defluiscono tante persone e vi è un elevato consumo di energie e risorse.
Intervenire in questi ambiti può significare tante cose: dal migliorare l’aria di una stanza attraverso l’uso di purificatori di aria alla condivisione di buone pratiche di utilizzo delle risorse pubbliche.

L’importanza di approcciarsi all’energia in modo sostenibile

È necessario adottare un approccio “sostenibile” inteso come orientato al futuro e, quindi, a prendere decisioni che abbiano ricadute positive nel lungo termine.

Questo significa che è sicuramente utile tener conto dei vantaggi della DAD (alcuni presidi hanno avviato delle petizioni) per le scuole ma che l’inserimento di sistemi di purificazione dell’aria per scongiurare rischi noti è anch’essa una soluzione da valutare.

Il tema della purificazione dell’aria, per esempio, non è così scontato dal punto di vista dei consumi energetici.

Difatti riducendo i tassi eccessivi di umidità o secchezza, attraverso questi dispositivi intelligenti, è possibile anche avere sotto controllo i consumi per il condizionamento del clima e, quindi, programmarli tramite sistemi AI.

Parliamo di sistemi programmati per formulare grafici degli storici di consumo, ovvero mirati a raggiungere un utilizzo ottimale, che tenga conto del miglior livello di comfort e dell’andamento climatico.

Automazione e applicazioni pratiche di risparmio

In pratica l’accensione delle luci, così come quella del riscaldamento o del raffrescamento possono esser gestiti attraverso l’innovazione e l’automazione, in modo tale da individuare, a colpo d’occhio, tutti i punti di dispersione e, quindi, intervenire per correggerli.

Ecco perché, soprattutto nelle PA, l’obiettivo di ottimizzazione energetica non è quello di spegnere gli interruttori ma di adottare pratiche di ri-conversione globale, utili a comprimere i costi, preservare l’ambiente e affrontare un periodo di grande instabilità sul piano delle risorse energetiche globali.

Si tratta di un obiettivo sicuramente ambizioso, senza alcun dubbio complesso e di lunga attuazione. Tuttavia si tratta anche di un cambiamento più che mai necessario che, tra l’altro, è in grado di portare immediati benefici capaci di protrarsi sul medio e lungo periodo.

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments