E-Commerce e Frodi Alimentari: evitare brutte sorprese a Natale

lentepubblica.it • 16 Dicembre 2014

Per evitare brutte sorprese, il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) e la testata giornalistica Frodialimentari.it hanno realizzato un Decalogo sull’e-commerce e le frodi alimentari, 10 consigli per acquistare cibi sicuri e di qualità online anche a Natale. Piccole pillole per evitare truffe, disagi e per acquistare alimenti su internet in modo consapevole.

Inoltre, dal 13 dicembre si applicano le nuove norme del Regolamento 1169 del 2011 con novità anche per i contratti a distanza, come nel caso degli acquisti sulla rete. L’articolo 14 prevede che tutte le informazioni obbligatorie previste per le etichette dei prodotti alimentari (ad eccezione del termine minimo di conservazione e della data di scadenza) siano riportate sul sito prima della conclusione dell’acquisto. Questo significa che il consumatore non si ritroverà slogan pubblicitari che non descrivono il prodotto o foto di bassa qualità ma, navigare sarà sempre più come girare tra gli scaffali di un negozio.

Ma cosa ne pensano gli italiani e come si approcciamo agli acquisti sul web? A questo quesito si è cercato di dare una risposta attraverso un’indagine conoscitiva, su un campione non rappresentativo di acquirenti, focalizzando l’attenzione sugli acquisti di prodotti agroalimentari e alimentari.

Al fine di rendere l’indagine più facilmente comprensibile e fruibile è stata realizzata attraverso la somministrazione di un questionario.

Tra i diversi strumenti utilizzati dalla ricerca sociologica, il questionario è quello più efficiente per un numero elevato di partecipanti, soprattutto se poi per la somministrazione si presceglie il web.

Questo tipo di somministrazione consente di contattare i destinatari in pochi minuti e di ottenere delle risposte in un tempo limitato e a costi contenuti. Non avendo informazioni sulla dimensione della popolazione si è pensato di considerare la popolazione infinta per la quale a un livello di confidenza del 95% con errore massimo ammissibile dl 5% della numerosità campionaria richiesta che è stata pari a 1265

• Periodo di somministrazione questionario 1 maggio 2014 – 30 ottobre 2014- 11-10

• tipologia di campione: casuale misto strumento utilizzato: questionario strutturato a risposte multiple

• n. domande: 17 domande

• metodologia di somministrazione: online realizzata dalla testata giornalistica www.frodialimentari.it e dal MDC

• il campione: di tipo casuale e non rappresentativo e stato pari a 1265

Il 64% del campione ha acquistato prodotti online, il 18% mai e il 14% li ha acquistati ma non lo farà mai più femminile, di un’età che varia fra i 30-60 anni.  Questi dati, relativi alla parte anagrafica ponderare e correlare meglio i dati.

È interessante infatti constatare come il 6 una volta un prodotto dal web, e come per ben il 14% dopo questa esperienza non ha intenzione di ripetere l’esperienza. La motivazione è rinvenibile per il 32% alla poca corrispondenza fra ciò richiesto e quello poi ot l’acquisto (la procedura è troppo lunga e poco lineare), infine per il 30% della mancata possibilità di conoscere la qualità del prodotto ricevere un prodotto di qualità.

 

 

Consulra il rapporto completo: Dossier-ecommerce-frodialimentari

 

 

FONTE: Movimento di Difesa del Cittadino

 

 

frode alimentare natale

 

 

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami