Educazione Civica nelle Scuole: le FAQ sulla proposta di legge di iniziativa popolare

lentepubblica.it • 26 Luglio 2018

educazione-civica-scuole-faqPubblicate le Faq relative alla proposta di legge di iniziativa popolare, promossa da Anci e Comune di Firenze, per l’introduzione nelle scuole dell’ora di educazione alla cittadinanza.


D: Qual è la data di scadenza per la raccolta firme?

 

R: Come indicato nel vademecum (pag. 7) consultabile sul sito dell’ANCI (www.anci.it) provvederemo a comunicare anche attraverso i nostri canali di comunicazione la data entro la quale completare la raccolta delle firme ed effettuare l’invio dei moduli all’indirizzo postale ANCI – Proposta di Legge Educazione alla cittadinanza – Via Dei Prefetti 46 – 00186 Roma. Si ricorda che per la raccolta delle firme occorre un periodo di massimo di 180 giorni che decorre dal 5 luglio e che pertanto la proposta di legge dovrà essere consegnata in Parlamento entro il 31 dicembre 2018. Quindi la campagna raccolta firme dovrà chiudersi prima della fine dell’anno.

 

D: La data di vidimazione dei moduli può essere posteriore al 20 luglio?

 

R: SI. La data del 20 luglio di avvio della campagna raccolta firme è stata individuata dall’ANCI quale giornata simbolica a livello nazionale, per dare risalto anche attraverso i media all’iniziativa. La raccolta firme può iniziare anche prima o successivamente al 20 luglio.

 

D: I moduli per la raccolta delle firme devono essere vidimati foglio per foglio e devono essere in originale per la firma?

 

R: Si. I moduli devono essere vidimati foglio per foglio in originale.

 

D: Per i cittadini non residenti?

 

R: Si ricorda che per essere valide le firme devono essere complete della certificazione di iscrizione alle liste elettorali del comune di residenza. Come previsto dal vademecum a pag. 5 “al fine di agevolare la fase successiva di certificazione delle firme è preferibile utilizzare dei moduli a parte per i sottoscrittori non residenti nel comune in cui si stanno raccogliendo le firme”. Per tale motivo si suggerisce di predisporre moduli distinti per i residenti e i non residenti da inserire in cartelline separate al momento della spedizione.

 

D: Per aderire è necessaria una delibera di giunta o altro?

 

R: Molti Comuni hanno effettuato un passaggio in Giunta, anche per motivare l’impiego di risorse umane. Questo passaggio è consigliato.

 

D: Quale iter bisogna attivare per la raccolta delle firme in un Comune amministrato da un commissario prefettizio?

 

R: In un Comune amministrato da un Commissario prefettizio l’iter della raccolta firme è uguale a quello dei Comuni amministrati in via ordinaria.

 

D: A chi si deve rivolgere il cittadino che vuole firmare?

 

R: Il cittadino può rivolgersi al Comune di residenza (ad esempio ufficio anagrafe) per conoscere gli uffici preposti alla raccolta delle firme. L’ANCI ha inviato per email a tutti i Comuni il modulo per la raccolta delle firme.

 

D: Dove sono consultabili i materiali?

 

R: Tutti i materiali (modulo raccolta firme, vademecum, modulo firme totali raccolta dal Comune, volantino promozionale etcc.) sono consultabili nel banner dedicato all’iniziativa “educazione alla cittadinanza” pubblicato sul sito www.anci.it

 

D: E’ stato attivato un indirizzo per ricevere informazioni?

 

R: E’ stata attivata una casella elettronica: educazionecivica@anci.it

Fonte: ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] vari progetti di legge sull’introduzione dell’Educazione civica tra le materie scolastiche mancano risorse aggiuntive significative in grado di far partire con il […]