lentepubblica


Elezioni amministrative 2024, istruzioni per comuni con più di 15mila abitanti

lentepubblica.it • 30 Maggio 2024

elezioni-politiche-2022-come-si-votaIl Ministero dell’Interno ha pubblicato le istruzioni dettagliate per l’organizzazione delle elezioni amministrative del 2024, destinate ai comuni con popolazione superiore ai 15mila abitanti.


Queste direttive sono fondamentali per garantire la regolarità e l’efficienza del processo elettorale, dalla raccolta dei risultati alla proclamazione dei vincitori in occasione delle prossime elezioni amministrative dell’8 e del 9 giugno 2024.

Il rispetto rigoroso di queste direttive assicura un processo elettorale ordinato e conforme alla normativa, garantendo la corretta proclamazione dei risultati e la legittimità delle nuove amministrazioni comunali.

L’Ufficio Centrale Elettorale: composizione e funzioni

In particolare per i comuni con popolazione superiore ai 15mila abitanti, il Testo Unico delle Leggi sull’ordinamento degli Enti Locali (D.P.R. 16 maggio 1960, n. 570) prevede la costituzione di un Ufficio Centrale Elettorale.

Questo organo collegiale è responsabile del riepilogo dei risultati provenienti da tutte le sezioni del comune, della proclamazione del sindaco e della distribuzione dei seggi tra le liste concorrenti.

L’Ufficio Centrale è presieduto dal presidente del Tribunale competente per territorio o da un magistrato delegato, e comprende sei elettori del comune idonei a ricoprire il ruolo di presidente di sezione elettorale. Questi membri sono selezionati dal presidente del Tribunale tra quelli iscritti nell’apposito albo e nominati entro cinque giorni dalla pubblicazione del manifesto di convocazione dei comizi elettorali. L’Ufficio Centrale si riunisce il giorno successivo alla conclusione dello scrutinio in tutte le sezioni elettorali, o al più tardi la mattina seguente.

Una volta insediato, l’Ufficio Centrale ha il compito immediato e fondamentale di verificare la ricezione dei plichi contenenti i verbali e gli allegati provenienti da tutti gli uffici elettorali di sezione del comune. Questa fase iniziale è cruciale per diverse ragioni.

Verifica della completezza dei plichi

L’Ufficio Centrale deve innanzitutto accertarsi che ogni plico sia pervenuto integro e completo. Ogni ufficio elettorale di sezione trasmette un plico che include:

  • Verbali delle operazioni di scrutinio: Documenti ufficiali che riportano dettagliatamente i risultati delle votazioni, le decisioni prese durante lo scrutinio e eventuali contestazioni o irregolarità.
  • Schede elettorali: Tutte le schede votate, incluse quelle valide, nulle, contestate e bianche.
  • Allegati: Ulteriori documenti necessari a supportare il verbale, come liste di elettori e rapporti di eventuali incidenti.

Accertamento del completamento delle operazioni di scrutinio

Dopo aver ricevuto i plichi, l’Ufficio Centrale deve verificare che tutte le sezioni abbiano effettivamente completato le operazioni di scrutinio. Questo implica:

  • Controllo della documentazione: Assicurarsi che ogni verbale sia stato compilato correttamente e che tutte le operazioni di voto e di scrutinio siano state riportate senza omissioni.
  • Verifica delle schede: Esaminare le schede elettorali per assicurarsi che il conteggio riportato nei verbali corrisponda alle schede pervenute. Questo passaggio è essenziale per garantire che non vi siano discrepanze tra i voti contati e quelli registrati.

Nel caso in cui uno o più uffici elettorali di sezione non abbiano terminato lo scrutinio, l’Ufficio Centrale interviene in sede surrogatoria per completare le operazioni mancanti. Questo processo viene eseguito separatamente per ogni sezione, utilizzando i verbali, gli atti e le schede trasmessi dagli uffici elettorali interessati. Le istruzioni per queste operazioni di completamento sono dettagliate nelle direttive ministeriali specifiche per le operazioni degli uffici elettorali di sezione.

Redazione e spedizione dei verbali

Per ogni sezione in cui l’Ufficio Centrale abbia completato lo scrutinio, vengono redatti verbali in duplice copia. Un esemplare è inviato alla segreteria del comune, mentre l’altro, accompagnato dai plichi contenenti le schede scrutinate, è trattenuto presso l’Ufficio Centrale e successivamente inviato alla Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo. Questo passaggio garantisce la trasparenza e la tracciabilità dell’intero processo elettorale.

Elezioni amministrative 2024, la guida del DAIT con le istruzioni per i comuni con più di 15mila abitanti

Qui il documento completo.

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments