Esenzione Canone RAI 2019 e Legge 104: chiarimenti

lentepubblica.it • 23 Gennaio 2019

esenzione-canone-rai-2019-legge-104Tra le scadenze da ricordare per il mese di gennaio 2019, c’è anche quella utile per chiedere l’esenzione Canone Rai. La Legge 104 consente di ottenere l’esenzione dal tributo? Oppure no?


Il canone tv viene addebitato direttamente in bolletta dai gestori di fornitura elettrica. Dal 2016, infatti, è stata introdotta la presunzione di detenzione di un apparecchio televisivo in presenza di un’utenza per la fornitura di energia elettrica residenziale. Il canone, quindi, non potrà più essere pagato tramite bollettino postale.

 

Ricordiamo che chi non detiene alcun apparecchio, lo deve comunicare all’Agenzia delle Entrate entro il 31 gennaio 2019 (per un maggiore approfondimento potete consultare questo articolo). I moduli si trovano sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

 

Tra le varie casistiche per ottenere l’esenzione Canone RAI 2019 anche la Legge 104 avrebbe potuto rappresentare una delle varianti significative. Ma è possibile?

 

Esenzione Canone RAI 2019 e Legge 104

 

Partiamo dal presupposto che un tempo era possibile ottenere l’esenzione dal pagamento del canone Rai. Prevista non solo per i soggetti disabili, ma anche per le famiglie con soggetti con handicap a carico. Questa possibilità è poi decaduta.

 

Un emendamento del M5S alla Legge di Bilancio 2019 aveva in realtà previsto che questa possibilità venisse ripristinata:

 

“A decorrere dall’anno 2019, sono altresì esenti dal pagamento del canone i soggetti con disabilità riconosciuta ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, nonché i titolari di abbonamento nel cui nucleo familiare è presente un soggetto scalmente a carico con disabilità riconosciuta ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. La richiesta di esenzione, unitamente al verbale di riconoscimento della grave disabilità, è inoltrata all’Agenzia delle Entrate, per mezzo di posta elettronica certicata, dalle associazioni di categoria che ne hanno la rappresentanza e la tutela”.

 

Purtroppo, però, nella versione definitiva della manovra, questo emendamento non è stato approvato.

 

Anche nel 2019 sarà quindi necessario pagare il canone Tv di 90 euro, con addebito diretto in bolletta. Salvo i casi in cui non si rientri negli ulteriori casi di esenzione.

 

Pertanto sono esonerati solo i cittadini che hanno compiuto 75 anni.

 

Con un reddito annuo non superiore a 6.713,98 euro (per le richieste relative agli anni fino al 2017) oppure a euro 8.000 (riferito all’anno di imposta 2017, per le richieste relative all’anno 2018)?

 

Possono presentare una dichiarazione sostitutiva con cui attestano il possesso dei requisiti per essere esonerati dal pagamento del canone TV (compilazione della sezione I del modello di dichiarazione sostitutiva).

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami