FIPE Confcommercio: impugnata gara CONSIP per buoni pasto

lentepubblica.it • 20 Gennaio 2015

Nonostante la Federazione avesse più volte fatto rilevare la insopportabilità delle condizioni imposte a bar e ristoranti da coloro che si erano aggiudicati la gara precedente, con sconti alla PA superiori al 20% del valore del buono, Consip ha indetto una gara identica alla precedente, ora impugnata davanti al Tar del Lazio.

FIpe Confcommercio ha impugnato di fronte al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio la gara “Buoni Pasto 7” indetta da Consip Spa per la fornitura annuale dei servizi sostitutivi di mensa ai pubblici dipendenti. L’impugnativa si è resa necessaria per l’atteggiamento di Consip che, nonostante incontri con la Federazione nei quali era stata fatta rilevare la insopportabilità per decine di migliaia di imprese di ristorazione delle condizioni imposte a bar e ristoranti da coloro che si erano aggiudicati la gara precedente a causa degli sconti riconosciuti alla pubblica amministrazione che sono arrivati a superare il 20% del valore del buono, ha indetto una gara identica alla precedente.

“Non è ammissibile – dichiara il presidente della Fipe, Lino Enrico Stoppani – che Consip pretenda di far pagare ai pubblici esercizi i risparmi che con gare appositamente costruite vuol far fare alle Pubbliche Amministrazioni sui pasti dei dipendenti. Siamo, di fatto, in presenza di una ulteriore tassa che lo Stato impone agli esercenti che, loro malgrado, sono costretti ad accettare convenzioni capestro dove a fianco di una commissione normale vengono aggiunti dei ‘servizi aggiuntivi’, solo formalmente facoltativi, che servono a ripianare le perdite degli emettitori bilanciando così le loro offerte in perdita evidente. E’ questo un sistema che si è avvitato su se stesso, dove la pretesa del datore di lavoro Stato di risparmiare a tutti i costi va contro gli interessi dei propri dipendenti e degli operatori commerciali che non possono certamente fornire prestazioni alle quali corrispondono corrispettivi pagati in ritardo ed in modo parziale”.

Proprio perché Fipe crede nella utilità del buono pasto per sostenere e sviluppare i consumi interni e mettere i lavoratori in grado di consumare un pasto equilibrato in un ambiente confortevole ha ritenuto indispensabile agire per cancellare delle storture del sistema riportandolo alla sua valenza originaria anziché fare populistici proclami su una sua monetizzazione che avrebbe l’unica conseguenza di intaccare le condizioni di vita e la salute stessa dei lavoratori.

 

FONTE: Confcommercio

 

 

buoni-pasto-elettronici

 

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami