fbpx

Fondo Nazionale Efficienza Energetica Imprese 2019: via alle domande

lentepubblica.it • 20 Maggio 2019

fondo-nazionale-efficienza-energetica-imprese-2019Fondo Nazionale Efficienza Energetica Imprese 2019: via alle domande per ottenere gli incentivi. Ecco tutte le informazioni.


Fondo Nazionale Efficienza Energetica Imprese 2019. Il Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica – FNEE è un incentivo che sostiene la realizzazione di interventi finalizzati a garantire il raggiungimento degli obiettivi nazionali di efficienza energetica.

Le risorse finanziarie stanziate per l’incentivo ammontano a circa 310 milioni di euro.

Fondo Nazionale Efficienza Energetica Imprese 2019

Dunque al via il Fondo nazionale Efficienza Energetica, da oggi lunedì 20 maggio alle ore 12.00 sarà possibile presentare le domande di agevolazione online sulla piattaforma di Invitalia.

Il Fondo, finalizzato a sostenere gli interventi di efficienza energetica su edifici, impianti e processi produttivi realizzati da

  • imprese,
  • ESCO (Energy service company)
  • e Pubblica Amministrazione,

prevede l’erogazione di finanziamenti a tasso agevolato e/o la concessione di garanzie su singole operazioni di finanziamento.

La dotazione finanziaria del Fondo, pari a 310 milioni di euro, mobiliterà un volume di investimenti nel settore dell’efficienza energetica di oltre 1,7 miliardi di euro.

Chi ne può beneficiare?

Tutti, fermo restando le esclusioni e limitazioni previste dal Regolamento GBER (artt 1 e 3) e dal Regolamento De minimis (art 1). In particolare non sono ammissibili gli aiuti concessi a imprese operanti:

  • nel settore della pesca e dell’acquacoltura;
  • settore della produzione primaria dei prodotti agricoli;
  • nel settore della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli nei casi seguenti:
    • qualora l’importo dell’aiuto sia fissato in base al prezzo o al quantitativo di tali prodotti acquistati da produttori primari o immessi sul mercato dalle imprese interessate;
    • qualora l’aiuto sia subordinato al fatto di venire parzialmente o interamente trasferito a produttori primari;
  • in attività connesse all’esportazione verso paesi terzi o Stati membri, ossia aiuti direttamente collegati ai quantitativi esportati, alla costituzione e gestione di una rete di distribuzione o ad altre spese correnti connesse con l’attività d’esportazione;
  • in attività subordinate all’impiego di prodotti nazionali rispetto a quelli d’importazione;
  • nel settore del Trasporto e Magazzinaggio qualora acquistino veicoli o parti di esso per il trasporto merci su strada.

 

Fonte: Invitalia
avatar
  Subscribe  
Notificami