Banche: Governo crea nuovo fondo per tutela dei risparmiatori

lentepubblica.it • 14 Dicembre 2015

risparmiOk al Fondo di solidarietà da 100 milioni per tutelare i risparmiatori coinvolti dal crac di Banca popolare dell’Etruria, Banca Marche, CariFe e Carichieti. La nomina degli arbitri che dovranno valutare nel merito le richieste di ristoro presentate dai risparmiatori sarà affidata direttamente a Palazzo Chigi. Lo prevede l’emendamento depositato oggi in commissione Bilancio alla Camera alla legge di stabilità dal Governo.

 

Secondo la misura al vaglio ora della Bilancio gli arbitri saranno di «comprovata imparzialità, indipendenza, professionalità e onorabilità» e dovranno valutare caso per caso le singole posizioni degli obbligazioni subordinati che hanno visto andare in fumo i loro risparmi. Resta comunque salvo il diritto al risarcimento del danno qualora sia dimostrata una responsabilità da parte dell’istituto di credito che ha fatto sottoscrivere i prodotti finanziari ai risparmiatori. Si prevede in particolare l’accertamento della responsabilità per la violazione degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza e trasparenza nel collocamento delle obbligazioni subordinate.

 

Il Fondo di solidarietà avrà una dote da 100 milioni alimentato dal Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd), operando nei limiti delle sue disponibilità anche se sarà un successivo decreto ministeriale a definire le modalità di accesso al fondo e le quantificazioni delle prestazioni determinate in importi corrispondenti alla perdita subita. Il decreto del Ministro dell’Economia dovrà fissare le modalità di presentazione delle domande, i criteri di quantificazione dei rimborsi nonché la procedura da seguire che «può essere in tutto o in parte anche di natura arbitrale».

 

Le prestazioni del fondo saranno riservate solo a persone fisiche, imprenditori individuali, agricoli e ai coltivatori diretti con esclusione quindi delle imprese e degli investitori professionali. Il fondo, inoltre, prevede l’emendamento viene surrogato nel diritto dell’investitore al risarcimento nel limiti dell’ammontare della prestazione corrisposta.  

Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it) - articolo di Davide Grasso
avatar
  Subscribe  
Notificami