fbpx

Furti in casa: ecco come tutelarsi

lentepubblica.it • 9 Luglio 2019

Furti in casaSono sempre più frequenti i furti in casa, da parte di ladri o malviventi. I sistemi di allarme non sono più sufficienti, in quanto sembra che i fautori del furto abbiano tutti i dispositivi necessari per neutralizzarli. Al giorno d’oggi, dunque, serve qualcosa di più.


Il furto è relativo alla sottrazione di beni materiali da parte di malviventi nel momento in cui il proprietario dell’abitazione non è presente. Egli non è quindi sottoposto ad alcun tipo di minaccia fisica o psicologica. I furti più frequenti accadono nei momenti della giornata in cui il proprietario si trova al lavoro oppure quando è in partenza per una vacanza. In genere il ladro, prima di effettuare il furto, cerca di studiare i movimenti del proprietario dell’abitazione. Questo per capire i suoi movimenti e le sue abitudini, per poi definire il momento migliore per agire.

I sistemi di sicurezza possono essere molto funzionali e possono aiutare le persone a tenere monitorata la propria abitazione in caso di mancata presenza, ma non sono di grande aiuto in caso di furto già compiuto. E’ per questo motivo che è necessario, se non fondamentale, dotarsi di ulteriori sistemi protettivi, come le coperture contro i furti. Negli ultimi anni quasi tutte le abitazioni possiedono un’assicurazione casa, per garantire la tutela della propria abitazione nel caso in cui accadano eventi che possano ridurne la funzionalità. Quando le performance di un’abitazione sono lese, e di conseguenza ridotte, esiste la possibilità di ottenere il rimborso di una certa somma di denaro da parte della compagnia assicurativa, in proporzione al danno subito.

Con quali metodologie è possibile proteggersi dai furti in casa?

La copertura assicurativa contro i furti, di solito, è un’assicurazione opzionale, che fa da ausilio a quella classica. Essa permette che tutti gli elementi e gli oggetti di proprietà possano essere protetti in caso di furto. Solitamente sono assicurati i beni materiali di valore, come oggetti d’oro, beni familiari e possedimenti monetari, ma possono essere coperti da assicurazione anche gli arredi e il mobilio contenuto nella casa. Esiste però un limite. I beni che possiedono un valore troppo alto non sono coperti da questo tipo di assicurazione. Essi necessitano di polizze diverse, che funzionano con delle esclusività.

Inoltre, ogni polizza assicurativa possiede una categoria di riferimento. Ogni compagnia propone dei pacchetti diversi a seconda delle necessità, quindi è necessario richiedere la redazione più preventivi e valutare per bene tutte le proposte prima di decidere la soluzione più ragionevole. L’assicurazione contro il furto fa parte, appunto, di una delle categorie di riferimento, che possono essere abbinate o meno ad altri tipi di assicurazione, in un unico pacchetto.

I risarcimenti possono essere di vario tipo, in base all’entità del danno. Esiste il risarcimento parziale, nella quale il rimborso della somma di denaro avviene sulla base di una percentuale definita in fase di contratto, e non tutto l’importo versato viene erogato. In alternativa, esiste il risarcimento totale, nella quale avviene il rimborso totale dell’importo di copertura stabilito in fase di stipula del contratto della polizza. L’assicurazione casa può anche essere dotata di franchigia.

In questo caso i meccanismi funzioneranno con qualche differenza e anche il rimborso avverrà con un sistema diverso. La franchigia è sostanzialmente una somma di denaro in percentuale, anch’essa stabilita in fase di contratto. In caso di danno, l’importo per il risarcimento viene erogato solo se l’entità del danno supera la franchigia definita nella polizza, nella quale la compagnia assicurativa si prende carico della parte eccedente. In caso contrario è il proprietario dell’abitazione a dover pagare.

Molto spesso le polizze per la casa vengono abbinate a delle polizze accessorie facoltative, che possono essere aggiunte per dare un completamento all’assicurazione. E’ dunque importate valutare tutto l’insieme prima di decidere la soluzione più adatta.

Fonte: redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami