fbpx

Tutti i rincari IMU, TASI, IRPEF nei confronti delle aziende

lentepubblica.it • 18 Giugno 2015

tasse 7IMU e TASI hanno comportato un raddoppio delle tasse su negozi, uffici e capannoni: è la stima effettuata, con riferimento agli anni tra il 2011 e il 2014, effettuata dall’Ufficio studi della CGIA Mestre. L’ultimo anno di applicazione dell’ICI (il 2011) le entrate per i Comuni con riferimento agli immobili strumentali sono state di circa 5 miliardi di euro, mentre nel 2014 (con IMU e TASI) hanno superato i 10 miliardi di euro.

 

Più in particolare si sono registrati i seguenti aumenti:

 

  • +142% per uffici e studi privati;

 

  • +137% per negozi e botteghe;

 

  • +107% per laboratori di arti e mestieri;

 

  • +101% per gli istituti di credito;

 

  • +94% per gli immobili a uso produttivo.

 

In termini assoluti a generare le entrate maggiori sono stati:

 

  • i capannoni (categoria D) per i quali nel 2011 il prelievo era stato di 3,17 miliardi, salito del +94% nel 2014, per un totale di 6,15 miliardi di euro;

 

  • i negozi e le botteghe artigiane, con una variazione del +137% (da 809 milioni a 1,9 miliardi di euro);

 

  • gli uffici e gli studi professionali, che passano dai 545 milioni dell’ICI a 1,32 miliardi di euro di TASI e IMU (+142%);

 

  • i laboratori passano da 228 milioni a 473 milioni di euro (+ 107%).

 

Da precisare che:

 

  • i calcoli non hanno tenuto conto delle detrazioni previste legge, ovvero della deducibilità dal reddito di impresa, totale per la TASI e del 20% per l’IMU;

 

  • per ciascuna tipologia di imposta è stata utilizzata l’aliquota media risultante dall’analisi delle delibere dei Comuni capoluogo di provincia;

 

  • per ogni tipologia immobiliare la rendita catastale media è stata ricavata dalla banca dati dell’Agenzia delle Entrate.

 

Ma, diversamente a quanto accade per le famiglie, a pesare maggiormente sui bilanci aziendali non sono IMU e TASI quanto piuttosto le ritenute IRPEF dei dipendenti e dei collaboratori, che ammontano a quasi 10,4 miliardi di euro. Ci sono poi:

 

  • l’IRES, che porta via alle società di capitali ben 9,1 miliardi di euro;

 

  • l’IVA, con 6,8 miliardi di euro;

 

  • l’IRAP, con 4 miliardi di euro.

 

Nel complesso gli italiani, solo nel mese di giugno, hanno pagato 49,74 miliardi di euro di tasse tra IMU, TASI, TARI, IVA, addizionali IRPEF, IRES, IRAP. La pressione fiscale in Italia, non è una novità, è dunque sin troppo onerosa per imprese e famiglie.

Fonte: PMI (www.pmi.it) - articolo di Francesca Vinciarelli
avatar
  Subscribe  
Notificami