fbpx

Incentivi alle PMI 2019: il nuovo portale presentato dal Ministro Luigi Di Maio

lentepubblica.it • 12 Marzo 2019

incentivi-pmi-2019-nuovo-portaleIncentivi alle PMI 2019: il nuovo portale appositamente dedicato, presentato direttamente dal Ministro Luigi Di Maio.


Il Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro Luigi Di Maio – assieme all’AD di Cassa Depositi e Prestiti Fabrizio Palermo e all’AD di Invitalia Domenico Arcuri – ha presentato al mondo delle imprese il nuovo progetto a loro dedicato incentivi.gov.it.

L’evento si è tenuto stamattina, al Ministero dello Sviluppo Economico, dalle 10:30 fino a mezzogiorno circa.

Qua sotto potete visualizzare ilo contenuto della diretta andata in onda su Facebook dell’evento.

Il Ministro Luigi Di Maio:

“Abbiamo scelto il dialogo e siamo riusciti a mettere in connessione, grazie alle loro disponibilità, molte delle realtà che offrono un servizio alle imprese. Non solo il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero del Lavoro, ma anche Agenzia delle Entrate, Cassa Depositi e Prestiti, GSE, ENEA, Finest, Invitalia, INPS, ICE, Unioncamere, Sace, Simest, SofiCOOP”.

Contestualmente nel pomeriggo il Tavolo PMI per discutere con le associazioni imprenditoriali delle misure per la competitività e la crescita.

Incentivi alle PMI 2019: il portale

Il portale incentivi.gov.it, che è solo la prima fase di un progetto più ampio, riuscirà a rispondere con l’incentivo adatto anche al tipo di impresa in questione. Si parla di  12 amministrazioni, oltre 60 misure al servizio della crescita e di oltre 20 miliardi di euro.

La piattaforma accorpa in un solo luogo tutti gli incentivi lato impresa (come ad esempio la Nuova Sabatini, circa 500 milioni di euro), messi a disposizione dalle amministrazioni pubbliche.

In incentivi.gov.it troveranno spazio le risorse messe a disposizione da Cassa Depositi e Prestiti (Cdp), Invitalia, Sace, Unioncamere, Simest, Agenzia delle Entrate, Inps, Enea, Gestore dei servizi energetici (Gse), Finest e SofiCoop.

Gli incentivi riguardano l’avvio di una nuova impresa, gli investimenti in innovazione, la crescita, il rafforzamento patrimoniale, gli investimenti in macchinari, impianti e software, l’internazionalizzazione, gli investimenti in formazione, in ricerca e sviluppo, in efficienza energetica, in nuove assunzioni, fino ad arrivare agli sgravi fiscali.

 

Fonte: MISE - Ministero dello Sviluppo Economico
avatar
  Subscribe  
Notificami