fbpx

Informatizzazione delle biblioteche comunali, anche gratis

lentepubblica.it • 7 Marzo 2017

bibliotecheNelle pubbliche amministrazioni italiane a volte è possibile realizzare degli ottimi servizi senza necessariamente rilevanti  impegni di bilancio. Ecco un esempio virtuoso, in questo caso relativo all’informatizzazione delle biblioteche comunali.


 

Il caso in questione è stato realizzato da un piccolo comune della provincia di Messina, Librizzi. Navigando sul sito istituzionale dell’ Ente (www.comune.librizzi.me.it) è stata implementata la possibilità di accedere alla Biblioteca On Line del Comune.

 

Chi si iscrive può infatti visionare un sistema web-based di consultazione, prenotazione e gestione dei testi della Biblioteca Comunale “Aldo G. Genta”.

 

Il piccolo comune dei Nebrodi (circa 1650 abitanti), oltre a garantire un eccellente servizio tradizionale di prestito e consultazione (con circa 800 prestiti mediamente all’anno per centinaia e centinaia di utenti), offre anche il servizio di scelta e prenotazione online, dei quasi 13000 testi del ricchissimo patrimonio librario.

 

Per usufruire del suddetto servizio basta registrarsi con username e password, entrare nel mondo virtuale della Biblioteca Comunale, conoscere generi, titoli, autori, disponibilità, ecc., quindi scegliere ed effettuare la prenotazione direttamente online del libro di interesse.

 

In merito al carattere rivoluzionario di questo servizio, il Sindaco del Comune di Librizzi, Ing. Renato Cilona, ha dichiarato:

 

“Il sistema di biblioteca in rete (http://www.bibliotecainrete.it/) è stato fornito e attivato per informatizzare la gestione dei testi che prima venivano fatto in maniera disordinata e manuale. Il nuovo sistema permette esclusivamente via web ai cittadini di poter visionare dopo opportuna registrazione, tutti i testi della bibblioteca ed eventualmente prenotarli. Altra importante funzione è quella, in caso di convenzioni con altri comuni o scuole, di poter sapere in quale biblioteca convenzionata si trova un testo di interesse”.

 

La biblioteca in rete in questione è stata sviluppata dalla Intradata Srl. che ha descritto nel seguente modo le peculiarità di questo progetto innovativo:

 

“Il sistema di biblioteca in rete (http://www.bibliotecainrete.it/ ) è disponibile gratuitamente a tutti gli Enti interessati per un anno senza impegni di alcun tipo. Durante questo periodo un Assessore di un Comune potrebbe attivare in forma autonoma ed associata tutte le bibblioteche  della propria città senza nessun costo. Dal secondo anno in caso di interesse avrebbe un costo di mantenimento di poche centinaia di euro”

 

Maggiori informazioni possono essere richieste all’indirizzo mail info@intradata.it

 

Dunque potenziare i servizi degli Enti non solo è possibile ma anche economicamente sostenibile: oltretutto questa soluzione applicabile alle biblioteche comunali potrebbe essere applicata anche ad una vasta gamma di servizi offerti da un comune.

 

Una nuova via potrebbe essere stata tracciata, questo sarebbe solo l’inizio.

 

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami