fbpx

Lavamani: la fonte dell’igiene per la Cucina

lentepubblica.it • 28 Marzo 2018

lavamaniCurare la nostra igiene e quella degli alimenti che ogni giorno consumiamo è importantissimo. Per questo la scelta del lavamani per la nostra cucina non andrebbe presa sotto gamba.


L’igiene delle cucine casalinghe o dei luoghi di ristorazione è, quanto mai in questo momento, al centro dei riflettori.

 

Basti pensare al fatto che uno dei programmi televisivi più di successo nel panorama massmediale odierno porta il nome di “Cucine da Incubo”, il programma tv capitanato dall’ormai leggendaria figura dello chef Antonino Cannavacciuolo.

 

Tuttavia quest’enfasi non rasenta l’esagerazione: se trascurato quest’ambiente centrale della casa può seriamente trasformarsi in un incubo. Germi e batteri, si sa, sono ovunque, anche dove non sospettiamo che possano esserci.

 

Un esempio su tutti: la spugna per lavare le stoviglie. Si è vero, toglie lo sporco dai piatti: ma quello che toglie lo accumula al suo interno, diventando un accumulo di germi e di sporco non indifferente.

 

La scelta del lavamani

 

Anche per tutti i motivi sopra analizzati, dunque, diventa importante scegliere un lavamani inox adatto alle esigenze sia delle cucine della grande ristorazione, sia all’interno delle cucine dei nostri ambienti privati.

 

Mantenere un elevato livello di pulizia delle proprie mani e degli alimenti, che diventeranno le principali portate al nostro convito ideale, è ovviamente una scelta obbligata.

 

La scelta non è, tuttavia, solo figlia dell’igiene: anche la gestione dello spazio/tempo culinario non è un fattore da sottovalutare. Infatti gestire ed ottimizzare al meglio i tempi di preparazione e di lavaggio può rappresentare la differenza tra un pranzo o una cena riusciti con successo o meno.

 

Sempre per rispettare l’ottimizzazione dello spazio è da tener presente, al momento dell’installazione, che per muoversi comodamente bisogna calcolare ai lati del lavabo o del lavamani uno spazio libero di circa 15-20 cm.

 

Diverse tipologie

 

Esistono, ovviamente, diversi modelli di lavamani, ognuno con delle proprie caratteristiche peculiari. E ognuno adatto alle diverse situazioni idealtipiche.

 

Una differenza legata alla collocazione del lavabo rappresenta la prima discriminante. I lavamani da appoggio sono, ad esempio, posizionati su un piano lavabo preforato. Mentre i lavamani sospesi sono collocati a parete mediante staffe. Generalmente si tratta di lavabi monoforo, cioè con un unico foro per la rubinetteria

 

Un tipo particolare di lavabo di questo tipo, molto legato al fattore pulizia, è il cosiddetto lavamani con comando a ginocchio, uno strumento molto utile e igienico. Questo tipo di lavamani viene attivato direttamente a ginocchio: questa particolarità permette di avere il rubinetto sempre pulito ed evitare pertanto di contaminare il lavello con residui di cibo.

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami