fbpx

Liberalizzazioni: per i consumatori italiani i vantaggi sono pochi e isolati

lentepubblica.it • 23 Febbraio 2015

A eccezione di medicinali e telefonia, nei settori che negli ultimi 20 anni sono stati interessati dal processo di apertura alla concorrenza, i prezzi e le tariffe sono aumentati in misura maggiore dell’inflazione: in pratica, l’obbiettivo di favorire i consumatori finali non è stato raggiunto.

A denunciarlo è l’Ufficio studi della CGIA. La situazione più “clamorosa” si è verificata nel campo delle assicurazioni sui mezzi di trasporto. Dal 1994 a oggi, le tariffe sono aumentate del 189,3 per cento, a fronte di un incremento dell’inflazione del 50,1 per cento. In questi vent’anni le assicurazioni sono aumentate 3,8 volte in più del costo della vita.

Altrettanto preoccupante è il quadro emerso dall’analisi dei servizi bancari/finanziari. Sempre dal 1994 al 2014, le tariffe sono cresciute del 115,6 per cento, mentre l’inflazione “solo” del 50,1 per cento. Ciò vuol dire che le prime sono aumentate di 2,3 volte in più rispetto alla seconda. Anche i trasporti aerei hanno fatto segnare un incremento dei prezzi molto consistente: tra il 1997 ed il 2014, infatti, sono aumentati del 71,7 per cento. Nello stesso periodo, il costo della vita è salito del 41,5 per cento.

I pedaggi autostradali, invece, sono stati interessati dalle liberalizzazioni a partire dal 1999: in questi ultimi 15 anni le tariffe sono mediamente cresciute del 69,9 per cento, mentre l’inflazione del +36,5 per cento. Dal 2000, anche il settore del trasporto ferroviario è stato “aperto” alle aziende private. Ebbene, i prezzi dei biglietti sono aumentati mediamente del 58,3 per cento, a fronte di un incremento dell’inflazione del 33,1 per cento. A partire dal 2003, anno in cui ebbe inizio il processo di liberalizzazione, il settore del gas ha subito un ritocco all’insù del prezzo medio del 43,2 per cento: l’inflazione, invece, è salita del 23,1 per cento.

I servizi postali, liberalizzati a partire dal 1999, hanno fatto registrare un incremento delle tariffe del 40,4 per cento, mentre il costo della vita è salito del 36,5 per cento. I trasporti urbani hanno conosciuto l’apertura del settore alle aziende private solo nel 2009. In appena 5 anni l’aumento medio dei biglietti è stato del 27,3 per cento, ma la dinamica dei prezzi è cresciuta “solo” del 9 per cento. In pratica, i primi sono aumentati 3 volte in più della seconda. L’energia elettrica, infine, è l’ultimo settore dove il costo della vita è cresciuto meno dell’incremento della tariffa. Dal 2007 ad oggi, i prezzi sono saliti del 13,6 per cento, mentre le bollette elettriche del 21 per cento.

Come dicevamo più sopra, solo nella telefonia (- 23 per cento) e nei medicinali (-12,1 per cento) leliberalizzazioni hanno contribuito a ridurre i prezzi/tariffe, nonostante nel primo caso l’inflazione sia salita del 38,8 per cento e nel secondo caso del 50,1 per cento.

Premesso che noi siamo a favore di un’economia più aperta che combatta le rendite corporative e parassitarie – esordisce il segretario della CGIA Giuseppe Bortolussinon possiamo nascondere la preoccupazione per l’esito che le liberalizzazioni hanno avuto nel nostro Paese. In molti casi, i settori interessati da questo processo sono passati da un monopolio pubblico che funzionava poco e male a vere e proprie oligarchie di privati che hanno fatto pagare il conto di questa operazione ai consumatori finali”. Detto ciò, dalla CGIA tengono a precisare che la dinamica delle tariffe nell’energia e nei trasporti è stata parzialmente condizionata da alcune specificità di tali settori, di cui però non è stato possibile tenere conto.

“I rincari avvenuti nel settore del gas – conclude Giuseppe Bortolussi – hanno sicuramente risentito del costo della materia prima, mentre l’energia elettrica è stata influenzata dall’andamento delle quotazioni petrolifere e dall’aumento degli oneri generali di sistema, in particolare per la copertura degli schemi di incentivazione delle fonti rinnovabili. I trasporti urbani, invece, hanno subito gli aumenti del costo del carburante e quello del lavoro. Non va dimenticato che molti rincari sono stati condizionati anche, e qualche volta soprattutto, dall’ aggravio fiscale. Tuttavia, nonostante i processi di liberalizzazione avvenuti negli ultimi decenni abbiano interessato gran parte di questi settori, irisultati ottenuti sono stati deludenti. In linea di massima, oggi siamo chiamati a pagare di più, ma laqualità dei servizi resi non ha subito miglioramenti sensibili, anzi in molti casi è addirittura peggiorata”.

 

 

 

 

FONTE: CGIA Mestre

 

 

 

liberalizzazioni-1-258

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami