fbpx

Nella Manovra Bonus Idraulico e Parrucchiere: di cosa si tratta?

lentepubblica.it • 15 Ottobre 2019

manovra-bonus-idraulico-parrucchiereNovità a favore dei consumatori nella Manovra: si parla insistentemente di un bonus idraulico e parrucchiere, con spese agevolate per i cittadini. Ma in quali casi? E come funzionerebbe?


Si parla di inserire in manovra un Bonus Idraulico e Parrucchiere: ecco di cosa si tratterebbe.

Ore frenetiche prima dell’invio a Bruxelles della bozza.

Al tavolo sindacale è stato confermato che per l’anno prossimo saranno stanziati 3 miliardi per il taglio del cuneo fiscale. Per il rinnovo dei contratti pubblici, poi, ci dovrebbero essere altri 3 miliardi, per avere un po’ più di 85 euro medi di aumento.

Dal lato dei cittadini, invece, spuntano queste nuove e interessanti misure.

In Manovra Bonus Idraulico e Parrucchiere?

Ma vediamo cosa si tratterebbe nello specifico.

Si parla in primo luogo di una serie di detrazioni fiscali relativo a chi utilizza il pagamento elettronico a scapito del contante.

Con l’esclusione dalle detrazioni chi ha redditi superiori a 100-120mila euro. Ciò verrebbe controbilanciato, per l’appunto, da queste altre detrazioni, probabilmente o al 10% o al 19%, come gli altri sconti fiscali, su una serie di nuove spese, dall’idraulico al parrucchiere di cui beneficerà solo chi fa pagamenti tracciabili.

Attività che evidentemente vengono ritenute, dal legislatore, particolarmente propense a nascondere una parte degli incassi all’erario.

A beneficiarne saranno coloro che, come detto, pagheranno in maniera tracciabile: niente contanti, solo carte di credito e bancomat.

Sembra essere, sostanzialmente, una completa modifica del meccanismo di cashback, inizialmente immaginato per premiare (si pensava con un taglio del 2% di Iva, in quel caso) chi paga con moneta elettronica.

Si sta pensando anche a un tetto massimo detraibile, che potrebbe attestarsi intorno ai 2-3mila euro.

A questo si affiancherà un altro strumento che il governo sta valutando nelle ultime ore: un meccanismo che permetterebbe di legare tutte le attuali detrazioni – per esempio quelle per spese mediche, istruzione, attività sportive – ai pagamenti elettronici.

 

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami