Mercato libero dell’energia: come funziona

lentepubblica.it • 25 Maggio 2020

mercato-libero-energia-come-funzionaÈ avviato ormai da anni in Italia il processo di migrazione dei clienti domestici (e non) dal mercato tutelato al mercato libero dell’energia: ecco come funziona e di cosa si tratta.


Il processo di liberalizzazione del mercato elettrico in Italia ha avuto inizio nel “lontano” 1999 (un po’ in ritardo rispetto agli altri Paesi europei) con il Decreto Legge n. 79 del 16 marzo, meglio conosciuto come decreto Bersani,  il quale, creando, di fatto, un libero mercato, ha permesso la graduale liberalizzazione delle attività di produzione, importazione, esportazione, acquisto e vendita di energia elettrica, completata del tutto il 1° luglio del 2007.

Attualmente, però, ancora convivono due realtà:

  • quella, per l’appunto, del mercato libero, che permette all’utente di scegliere liberamente, tra i vari fornitori, le varie tariffe e le diverse offerte luce, ciò che ritiene migliore in base alle proprie abitudini, esigenze e possibilità economiche;
  • e quella del mercato tutelato, un servizio affidato a grandi fornitori-distributori e nato, in via transitoria, per supportare le famiglie e le piccole imprese che non erano ancora in grado di scegliere un fornitore nel mercato libero, ma i cui prezzi, essendo regolati dall’ARERA, possono cambiare ogni 3 mesi, aumentando o diminuendo a seconda dell’andamento dei prezzi del mercato all’ingrosso.

Tal coesistenza, tuttavia, a seguito della prescrizione nell’agosto 2017 del Ddl Concorrenza, è destinata a finire entro il 2022, anno in cui il mercato tutelato verrà totalmente abolito perdendo, di conseguenza, tutti i suoi clienti che dovranno obbligatoriamente effettuare il passaggio al mercato libero.

Mercato libero dell’energia: come funziona

E anche se non vi è il rischio di ritrovarsi senza fornitore quando la fine del tutelato sarà effettiva (perché chi perde il proprio fornitore, passa in automatico al cosiddetto mercato di Salvaguardia) è sempre meglio non ridursi all’ultimo momento e non arrivare a  gennaio 2022 impreparati per due ragioni fondamentali:

  1. perché i tempi delegati al trasferimento di ognuno da un mercato all’altro sono così estesi apposta per dare a tutti la possibilità di compiere una scelta pienamente consapevole;
  2. perché il mercato libero conviene a prescindere dalle imposizioni, dato che:
  • offre la possibilità di avere lo stesso fornitore per luce e gas (soluzione incentivata da sconti esclusivi e impensabile nel mercato tutelato) con un solo servizio clienti e una sola app per la gestione di entrambe le utenze;
  • è gratuito, non prevedendo interruzioni del servizio né interventi tecnici al contatore di luce (ed eventualmente del gas);
  • ha tariffe migliori (rispetto ai prezzi regolamentati, soprattutto per i nuovi clienti digitali) che per di più includono servizi aggiuntivi, sconti, programmi fedeltà ed eco-friendly (inesistenti nel mercato tutelato);
  • ed è maggiormente prevedibile poiché le spese sono bloccate o indicizzate (quindi non cambiano ogni 3 mesi);

Passare al Mercato Libero

Lasciare il mercato tutelato è semplice. Basta sottoscrivere un nuovo contratto di fornitura con un fornitore del mercato libero (che si occuperà anche di comunicare in totale autonomia la disdetta del contratto in essere all’attuale gestore del tutelato) per il quale occorreranno i seguenti documenti:

  • i dati anagrafici dell’intestatario della fornitura;
  • codici identificativi dell’utenza – il POD per l’energia elettrica ed, eventualmente, il PDR per il gas; l’indirizzo di fornitura e di fatturazione – se diverso dal primo; l’indirizzo e-mail se si sceglie di ricevere le bollette via posta elettronica;
  • e l’IBAN se si vuol scegliere un’offerta web – al momento tra le più convenienti del mercato libero –per l’accredito automatico della bolletta su conto corrente).

In un solo mese inizieranno ad arrivare le bollette a nome del nuovo gestore. Quest’ultime peraltro non subiranno neanche grandi cambiamenti se non il nome del fornitore che emetterà le fatture ed ovviamente il costo al kWh ed il costo Smc, che determinano la spesa materia prima e la spesa materia energia.

Tutte le altre voci presenti al suo interno rimarranno invariate (ossia, i dati della fornitura, la sintesi degli importi fatturati con il famoso grafico a torta, il dettaglio dei consumi e la sezione per le comunicazioni al cliente)

Un nuovo mercato libero più dinamico

Sono milioni i clienti che già sono usciti dal mercato di maggior tutela e tu cosa stai aspettando? Quando tutti avranno compiuto la migrazione prevedibilmente, nascerà un nuovo mercato libero più dinamico e caratterizzato da una maggiore concorrenza tra i vari fornitori, che porterà inevitabilmente a una ulteriore e sicuramente gradita diminuzione dei prezzi per gli utenti.

L’importante, va ribadito, è che ci si prenda tutto il tempo necessario per conoscere tutti i fornitori presenti nel mercato libero e le loro proposte in modo da avere un quadro generale ben chiaro e scegliere con cognizione di causa il fornitore più adatto (anche a seguito di un accurato confronto).

Tal sforzo verrà di certo ripagato da una vistosa diminuzione delle bollette. Tutti soldi che sarà possibile spendere in una miriade di altri modi e che se messi da parte potrebbero essere utili anche per regalarsi un bel viaggio all’insegna del relax o per passarsi qualche altro piacere.

 

0 0 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Gianfranco Bressi
Gianfranco Bressi
28 Maggio 2020 13:18

Il mercato libero si è rivelato una grossa fregatura. Sto tornando al mercato tutelato e spero che molti mi seguano per dare un segnale al governo.

Marcello
Marcello
29 Maggio 2020 9:32

Buon giorno.
La penso esattamente come lei. Per ingenuità sono passato al mercato libero ormai da 8/9 anni e non solo il costo di luce e gas è aumentato, ma ho subito costantemente uno stocking continuo, invadente ed a volte anche minaccioso da parte di operatori .
Credevo , di non poter tornare indietro , dopo aver fatto la scelta di passare a mercato libero, ma se si può, vorrei che mi potesse dire come si fa.
Ringrazio per l’opportunità che mi ha dato
Cordiali saluti
Marcello Brogelli

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x