fbpx

L’associazione CODICI vuole portare il caso Msc Armonia all’Antitrust

lentepubblica.it • 25 Giugno 2019

msc-armonia-antitrustL’associazione CODICI vuole portare il caso Msc Armonia all’Antitrust. Tantissime le segnalazioni arrivate all’associazione dei Consumatori, che sta promuovendo un’azione collettiva a tutela di chi è stato danneggiato dalla vicenda.


Sono decine i messaggi che stanno arrivando allo Sportello Whatsapp 338.4804415. Allestito dall’Associazione Codici per raccogliere le segnalazioni di chi ha prenotato una crociera con Msc Armonia desideroso di visitare Cuba. E che poi ha scoperto che la tappa a L’Avana è saltata in seguito allo stop imposto dagli Usa verso l’isola.

I crocieristi si sono ritrovati con un itinerario ben diverso rispetto a quello originale (dichiara Stefano Gallotta, responsabile del settore Vacanze di Codici). I due giorni di scalo a L’Avana sono stati sostituiti con un giorno di navigazione. E una tappa a Key West alternata con Costa Maya in Messico. Una vacanza differente rispetto a quella prenotata e per questo abbiamo deciso di avviare un’azione collettiva popolare per chiedere la restituzione del 50% del prezzo speso per la crociera”.

Caso Msc Armonia all’Antitrust: come aderire all’iniziativa?

Sul sito www.codici.org è disponibile il mandato per aderire all’iniziativa promossa dall’Associazione per tutelare i crocieristi coinvolti da questo cambio di programma poco gradito, per usare un eufemismo. Non solo. La vicenda finirà anche all’attenzione dell’Antitrust.

Faremo una segnalazione all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato – annuncia il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli –. Perché la linea adottata da Msc è inaccettabile. Altre compagnie, come la Royal Caribbean, stanno offrendo ai clienti un rimborso del 50%, accompagnato da uno sconto del 50% su un’eventuale nuova crociera. Msc, che tra l’altro opera nei Caraibi con una delle sue navi meno moderne, si è limitata invece a concedere un credito a bordo di 400 dollari a cabina. Assolutamente inadeguato rispetto all’accaduto. Non è così che si tutelano i consumatori, per questo abbiamo deciso di avviare un’azione collettiva popolare per aiutarli a richiedere la riduzione del prezzo pagato per una vacanza in cui vedranno Cuba solo in cartolina“.

Fonte: CODICI
avatar
  Subscribe  
Notificami